Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

A Coverciano il raduno della CAN PRO e la riunione con i Presidenti di società

Federico Marchi - 16/04/2015, 22:36

Ha preso il via, presso il Centro Tecnico Federale di Coverciano, il raduno degli arbitri della CAN PRO in vista della fase finale dei Campionati. “Ci troviamo in un momento della stagione che richiede grande preparazione e concentrazione” ha detto il Commissario Roberto Rosetti in apertura della due giorni.
Il raduno è iniziato al campo sportivo, dove sono stati effettuati i test atletici sotto la supervisione del Modulo Preparazione Atletica del Settore Tecnico, con il metodologo dell'allenamento Castagna, il preparatore Lucarelli, ed i componenti Catastini e Angelini. Subito dopo gli oltre 70 direttori di gara presenti si sono spostati nell'Aula Magna, dove hanno ricevuto anche il saluto di Alfredo Trentalange. “Ho visto tra di voi un clima di grande serietà – ha detto il Responsabile del Settore Tecnico – Questo è un gruppo molto unito dove si sente ancora la presenza di Luca Colosimo”.
Importante è stato nel pomeriggio l'incontro con i Presidenti ed i Direttori Sportivi delle varie società della Lega PRO. Un appuntamento che ha visto la partecipazione del Presidente dell'AIA Marcello Nicchi ed del vicepresidente Narciso Pisacreta. “Il calcio è uno sport che deve aggregare – ha detto nel proprio intervento Nicchi - Questo è un gruppo di ragazzi serio che sogna un futuro sportivo e che non lascia nulla di intentato nella preparazione. Il mondo della CAN PRO è bellissimo, perché qui si crea il calcio del domani”.
“Come sbagliamo noi dirigenti e i nostri calciatori, anche gli arbitri possono sbagliare – ha esordito il Presidente della Lega PRO Mario Macalli – Non si può fare calcio senza gli arbitri e neanche senza i dirigenti, quindi non si può fare calcio se non si sta tutti insieme”.
Ha quindi preso la parola Roberto Rosetti “Siamo tutti accomunati dalla passione per il calcio e lo scopo di questo incontro è quello di crescere tutti insieme per migliorarci sempre”. Rosetti ha poi illustrato la struttura della CAN PRO, il lavoro svolto con gli arbitri e gli assistenti, il ruolo degli osservatori, ha proiettato alcuni video relativi a situazioni di giuoco ed ha proposto anche un'analisi statistica sui dati registrati in questa stagione sportiva come provvedimenti disciplinari e rigori.
Toccante è stato infine il ricordo di Luca Colosimo, giovane arbitro recentemente scomparso in un tragico incidente stradale mentre tornava a casa dopo aver diretto una partita. “Come Lega PRO – ha annunciato il Presidente Macalli - abbiamo deciso di istituire, a partire dalla prossima stagione, un premio intitolato a Colosimo”.
Il programma della seconda giornata di raduno prevede allenamenti sul terreno di giuoco e riunioni tecniche in aula.

Nelle fotografie i test atletici, la riunione in aula, l'incontro con le società (queste ultime scattate da Luca Fanfani)

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente