Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Al via a Sportilia il raduno degli arbitri della CAN D

Davide Saglietti - 25/08/2015, 23:32

Prende il via il raduno della CAN D anche per il gruppo degli arbitri, giunto a Sportilia oggi, Martedì 25 Agosto 2015.
Prima dell'arrivo dei direttori di gara, in mattinata avevano concluso la serie di incontri gli assistenti che avevano sostenuto i test atletici sotto una pioggia inclemente ottenendo comunque lusinghieri risultati.
Il commissario Pacifici, nel suo intervento che ha aperto lo stage formativo, ha salutato i "capitani" della squadra della CAN D che sta per apprestarsi a dirigere le gare del campionato che andrà ad iniziare nel prossimo mese di settembre. Dopo gli eccellenti risultati della stagione 2014-2015, il Commissario e tutti i Componenti si aspettano nuovamente risultati all'altezza di un campionato interessante e tuttora ricco di incognite.
Come da tradizione, il primo momento formativo è stata la presentazione della circolare n°1 a cura del Settore Tecnico Arbitrale, che ha illustrato le modifiche al regolamento apportate dall'IFAB e le linee interpretative sul fuorigioco; "nulla è cambiato - hanno sottolineato il vice-responsabile Falca, i componenti Pozzoli e Ridolfi - ma l'IFAB ha voluto chiarire il concetto di influenza su un avversario che ero stato interpretato in modo non uniforme nelle varie federazioni".
Primo intervento da componente di Sebastiano Peruzzo, incentrato sulla preparazione della gara, partendo da quella della trasferta che inizia subito con l'arrivo della designazione e il contatto con gli assistenti. A seguire la preparazione tecnica, analizzando non solo i dati provenienti dalla classifica, ma anche quanto si può visionare con i mezzi di comunicazione che mettono a disposizioni grandi quantità di informazioni testuali e multimediali. Poi il briefing, momento importante per preparare al meglio la gara sia dal punto di vista tecnico sia da quello motivazionale di squadra. Infine, ma non meno importante, il primo contatto con il campo di gioco.
Il commissario Pacifici è poi intervenuto analizzando le principali criticità emerse nella stagione passata: prima di tutte la temporanea mancanza di concentrazione che porta a gestire male un evento eccezionale; a seguire un movimento tattico non in linea con le eseigenze agonistiche della gara, poi l'incapacità di recepire comportamenti non corretti di giocatori esperti, il rapporto con gli assistenti, le panchine e la comprensione dei cambiamenti della gara.
Serata dedicata all'allenamento sul campo e, dopo la cena, un momento di lavoro di gruppo che sarà poi esposto nella giornata di domani.

Nella foto in home page l'intervento di Peruzzo
Nel dettaglio la foto di gruppo degli assistenti
Il commissario Pacifici chiude il raduno assistenti ed apre quello degli arbitri
Due momenti dei test atletici degli assistenti
Primo momento in aula per gli arbitri
L'allenamento degli arbitri sul campo

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente