Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Cosentino eletto Presidente della LND: "Gli arbitri non vanno toccati mai"

Alessandro Paone - 24/10/2015, 18:40

Antonio Cosentino è il nuovo presidente della Lega Nazionale Dilettanti fino alla scadenza del quadriennio olimpico.
L'Assemblea Straordinaria Elettiva ha eletto Cosentino con 71 voti su 80 aventi diritto. Un grande movimento quello dilettantistico che coinvolge oltre 13.000 società, che si affrontano in 700.000 gare ogni anno coinvolgendo 1 milione e 200 mila tesserati.
"Sarà un anno impegnativo - ha detto Cosentino nel suo discorso - voglio lavorare nell'interesse comune di tutto il calcio dilettantistico".
Nella sala dell'Hotel Hilton di Fiumicino erano presenti anche: il presidente della FIGC Carlo Tavecchio, il presidente della Lega Serie B Andrea Abodi, i membri d'onore della Federazione Franco Carraro (membro CIO) e Antonio Matarrese, l'ex presidente della FIGC e Membro della Giunta CONI Giancarlo Abete, il Presidente del Settore Giovanile Scolastico nonché numero uno del CR Puglia LND Vito Tisci, il vice presidente dell'AIA Narciso Pisacreta, il presidente del Settore Tecnico Gianni Rivera e la coordinatrice della Commissione Sviluppo per il calcio femminile Rosella Sensi. Presenti per il CONI il segretario generale Roberto Fabbricini ed il capo di gabinetto Francesco Soro.
Cosentino, che è stato anche arbitro di basket, ha fatto una panoramica delle principale attività svolte dalla LND durante il periodo di reggenza rimarcando la necessità di assistere i direttori di gara impegnati nei campionati dilettantistici. "Sono ragazzi e ragazze giovani in formazione. Dobbiamo combattere contro la violenza nel calcio e rispettare gli arbitri. Un rinnovamento nel segno della continuità, questi saranno i tratti distintivi del mio mandato" - così ha spiegato il neo presidente Antonio Cosentino illustrando all'Assemblea i punti cardine del suo futuro operato e gli obiettivi.
Sarà dato nuovo impulso alle misure di sviluppo e promozione del calcio femminile. Il primo passo è stata l'introduzione della gratuità delle spese d'iscrizione per i campionati regionali o provinciali di calcio a 11 e di calcio a 5 femminile. L'obiettivo principale è quello di incrementare significativamente il numero delle praticanti.
Cosentino ha ribadito "la centralità della federazione e la competenza in capo al CONI nelle decisioni da assumere". Il neo presidente LND intende anche incentivare la politica dei servizi e le forme di gratuità arbitrale in favore delle società. Su questo fronte Cosentino ha evidenziato che "è in corso di definizione con la FIGC la definizione dei campionati per i quali sarà prevista la gratuità arbitrale e la determinazione dei budget per la copertura delle relative spese". Cosentino ha poi ricordato la necessità di un rinnovato impegno nelle forme di contrasto agli episodi di violenza, in particolare quelli che hanno coinvolto troppo frequentemente i giovani arbitri.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente