Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Nicchi al Corso di selezione della CAN BS: «I nostri arbitri ai vertici mondiali»

Rodolfo Puglisi - 20/03/2016, 08:14

Con l’approssimarsi della bella stagione si avvicina anche l’inizio dell’attività del Beach Soccer. Anche gli arbitri si preparano con la massima professionalità, come di consueto, per la stagione agonistica. Primo appuntamento per la Commissione Arbitri Nazionale per il Beach Soccer è il Corso di selezione che immetterà nuovi direttori di gara nell’organico che sarà impegnato nei prossimi mesi. Dodici “corsisti”, così, provenienti da varie regioni d’Italia, si sono presentati all’Hotel Mediterraneo di Riccione per affrontare due giorni di lavori e di aggiornamento.
Ad organizzare nei minimi dettagli l’incontro è stata la Commissione, composta per il 6° anno consecutivo dal Responsabile Michele Conti e dai componenti Alessandra Agosto e Gennaro Leone, che si sono avvalsi del prezioso lavoro di Segreteria di Enrico De Iulis e di Simone Micciulla.
Ad aprire i lavori Conti ed il componente del Comitato nazionale dell’AIA, Rosario D’Anna (Presidente della Commissione valutatrice), che ha spronato i ragazzi ad impegnarsi ed a infondere la loro passione per l’arbitraggio anche in questa nuova disciplina che intendono abbracciare.
A salutare i corsisti anche il responsabile del Settore Tecnico, Alfredo Trentalange, che ha ribadito come in seno alla CAN BS sono ampiamente riscontrabili quattro punti qualificanti: l’etica perché il rispetto che c’è tra coloro che fanno parte di quest’Organo Tecnico è vero; la tecnica «perché si fa moltissima tecnica di livello, apprezzata anche dalla FIFA, dove Michele Conti è conosciutissimo e stimato»; l’organizzazione e l’umanizzazione. Trentalange, nell’accomiatarsi ha poi precisato: «Voi, soprattutto gli arbitri internazionali qui presenti, rappresentate un intero sistema e siete il modello di riferimento di tantissima gente. Se il vostro movimento funziona è perché ci sono persone qualificate che lo fanno funzionare».
Anche il Presidente dell’AIA, Marcello Nicchi, ed il Vice, Narciso Piscareta, al termine del Consiglio centrale tenutosi nella stessa struttura, hanno voluto incontrare gli arbitri impegnati in questo Corso di selezione. Il Presidente Nicchi ha ricordato come sia stata data pari dignità a questa disciplina, sulla quale l’AIA ha voluto fare, vincendola, una scommessa. «In pochi anni – ha affermato – siamo riusciti come Associazione a scalare le vette nazionali e mondiali, come dimostra ampiamente l’ultima stagione che ha visto i nostri arbitri designati per le più importanti gare delle varie manifestazioni internazionali». Nicchi, dopo aver detto di provare piacere nel vedere i volti di questi ragazzi, nei quali si legge chiaramente l’entusiasmo di voler intraprendere questa nuova avventura, li ha invitati a seguire le orme di chi li ha preceduti mettendo tanta passione ed invitandoli a migliorarsi sempre.
Il Corso è poi continuato con la spiegazione del Regolamento del Beach Soccer da parte dei tre componenti della Commissione e di Marcello Caruso del Modulo Regolamento, Guida pratica e Materiale Didattico del Settore Tecnico.
Dopo cena si sono avuti gli interventi del prof. Carlo Castagna, metodologo dell’allenamento, e del dott. Giacomo Passalacqua, del Modulo Bio-medico del Settore Tecnico, che hanno relazionato, rispettivamente, su aspetti specifici dell’allenamento e sul regime alimentare che un atleta deve seguire. I colloqui individuali con la Commissione hanno concluso la prima, intensa, giornata di questo Corso.

Nella foto in alto, il Presidente Nicchi, accanto a Michele Conti, dà il suo saluto ai corsisti.
In basso: una panoramica della sala; l’intervento di D’Anna; Conti mentre si rivolge ai ragazzi; Trentalange e Conti; la Commissione valutatrice: D’Anna, Agosto, Leone e Conti; D’Anna, Pisacreta, Nicchi e Conti; da sn. Castagna e Passalacqua. In home page il gruppo dei corsisti con Nicchi, Pisacreta, D'Anna, Gialluisi e la CAN BS.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente