Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Raduno arbitri Top Class CAN5, Nicchi: “Qui c'è una grande qualità”

Caterina Pittelli - 16/04/2016, 13:21

La seconda giornata del raduno CAN 5 Top Class prende il via con i test atletici per i 54 arbitri convocati, seguiti da un di approfondimento in aula, grazie anche anche al supplemento di video che, come di consueto, ha visto un fattivo coinvolgimento dei presenti. Dopo pranzo un nuovo momento di match analysis, diversi gli episodi di gara visionati e analizzati nei dettagli con la consueta cura. Grande la partecipazione degli associati in quello che si configura sempre più come un momento di crescita. “Capite quali sono i vostri punti di forza e di debolezza e lavorate su voi stessi. A voi è richiesto questo oggi, di migliorarvi”, sottolinea Cumbo.
Nel pomeriggio l'arrivo del Presidente dell'Associazione Italiana Arbitri Marcello Nicchi, accompagnato dal Componente del Comitato Nazionale Giancarlo Perinello.
Il gruppo è presentato dal Responsabile Massimo Cumbo: “Noi siamo abituati a lavorare tanto, nelle occasioni che abbiamo per confrontarci dobbiamo operare al massimo. Oggi il futsal è attenzionato in maniera esponenziale e di conseguenza anche i direttori di gara lo sono, per questo noi continuiamo a chiedere di superare i limiti. Sono ragazzi abituati a lavorare in team, pronti a garantire una performance di gruppo di alto livello”.
Prende ora la parola Nicchi: “Oggi qui siamo di fronte a gente preparata, a persone delle quali l'AIA deve andare orgogliosa; come Associazione abbiamo imparato tanto anche del mondo del Calcio a 5 e questo perché avete saputo proporvi nei modi e nei tempi giusti. Il movimento del futsal è aumentato, così come è cresciuta l'attenzione su di esso. Io vi ho conosciuti sul campo e i fatti dimostrano come il il vostro ruolo richieda prestazioni fisiche e tecniche eccellenti. Qui c'è una grande selezione e di conseguenza grande qualità, voi riuscite a fare squadra, a lavorare tutti per un obiettivo”. Ha poi continuato: “Il vostro è un gruppo dirigenziale di alto valore, c'è un bel movimento per il quale io sono qui a ringraziarvi. Grazie a Massimo Cumbo, grazie alla Commissione e agli arbitri Top come voi, che lo sono in primo luogo come uomini, avete davanti tanta storia da scrivere”.
Infine un passaggio dedicato alla delicata tematica della sicurezza :”Tutti gli arbitri devono essere rispettati. Grande lavoro è stato fatto per garantire questo aspetto, in tutte le categorie. L'attenzione anche da questo punto di vista è massima anche nei vostri confronti. La vostra è una squadra che ci onora, un gruppo di persone di valore, persone sempre sul pezzo che hanno il diritto di essere tutelati, rispettati e protetti”.
A seguire l'intervento del Vice Presidente della Divisione Calcio a 5 Antonio Dario: “In bocca al lupo, vi auguro di affrontare play off e play out con la massima serenità” e un momento dedicato ai 14 associati della famiglia del Calcio a 5 che concludono il decimo anno da nazionali.
I lavori proseguono nella mattinata di sabato 16 aprile con l'attività di match analysis attraverso la visionatura di video di episodi relativi a gare dirette dagli arbitri presenti.

Nelle fotografie i test atletici, alcuni momenti di lavoro in aula, ed il saluto dei quattordici associati al decimo anno.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente