Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

A Coverciano il raduno CAN PRO, Giannoccaro: “Seguite la strada maestra"

Federico Marchi - 26/10/2016, 22:00

Ha preso il via oggi presso il Centro Tecnico Federale di Coverciano il raduno per gli arbitri della CAN PRO. In programma tre giorni di intensi lavori, sia in aula sia sul terreno di giuoco, per fare il punto dopo le prime dieci giornate di Campionato. Nel pomeriggio all’interno del Museo del Calcio si è svolta la prima riunione, con l’apertura ufficiale da parte del Commissario Danilo Giannoccaro, insieme ai suoi vice Roberto Bettin, Christian Brighi, Renato Faverani e Paolo Calcagno. Durante la riunione ha fatto anche visita il Giudice Sportivo della Lega Pro Pasquale Marino, accompagnato Roberto Calabassi rappresentante AIA presso lo stesso giudice.
“Durante questo raduno effettueremo un’attenta analisi delle prime dieci giornate di Campionato – ha spiegato il Commissario Danilo Giannoccaro -. In questi giorni, con i 78 arbitri in organico della CAN PRO, esamineremo i principali episodi che si sono verificati nella primissima parte di Campionato. Lo faremo, come di consueto, attraverso la visione di numerosi video che analizzeremo in maniera interattiva”.
In serata spazio quindi ai filmati tecnici relativi alla nona e alla decima giornata di Lega Pro. In Aula Magna sono così stati proiettati alcuni video, con diverse situazioni giuoco che sono state commentate ed approfondite sotto il profilo tecnico, disciplinare e tattico. “Seguite la strada maestra, applicando il regolamento con intelligenza e precisione tecnica” ha detto Giannoccaro agli arbitri.
La seconda giornata di raduno inizierà con le visite mediche e con i test atletici effettuati sul terreno di giuoco di Coverciano.

Nella fotografia principale l'intervento del Commissario Danilo Giannoccaro. Nelle foto sotto: la riunione al Museo del Calcio; Giannoccaro con Marino e Calabassi; l'analisi dei filmati tecnici in Aula Magna.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente