Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Arbitri a lezione di BLS (Basic Life Support)

Luca Giovannini - 23/02/2017, 18:33

Sezione di Ivrea
Secondo recenti dati, ogni anno in Italia più di 50 famiglie perdono un bambino in seguito a soffocamento per inalazione di corpi estranei; nello stesso periodo, circa 70.000 persone vengono colpite da arresto cardiaco. Di fronte a questi episodi assume un valore significativo l'iniziativa del presidente della Seziona AIA di Ivrea, Felice Viterbo, che ha voluto invitare alla consueta riunione tecnica tre membri della Salvamento Agency Canavese per esporre a tutti i presenti alcune semplici manovre BLS (Basic Life Support) che possono spesso salvare una vita.
Davanti ad una platea attenta ed interessata il formatore Ivo Sala, dopo aver presentato l'attività e gli scopi della Salvamento Agency, ha infatti illustrato la corretta procedura di disostruzione delle vie aeree nei bambini e negli adulti. Si è parlato anche di prevenzione e intervento nei casi di SIDS (sindrome della morte improvvisa del lattante, la cosiddetta “morte in culla”) e annegamento. L'istruttore Luigi Bonacci, coadiuvato dal collega Oriano Perrotta, ha poi dato
dimostrazione pratica delle manovre di rianimazione cardio-polmonare (RCP), che risultano fondamentali nel mantenere in vita un paziente in stato di arresto cardiaco e nel prevenire gravi danni neurologici. A tal proposito è stato anche brevemente mostrato il funzionamento del defibrillatore che, grazie al decreto Balduzzi, sarà presto obbligatorio presso tutti i campi di gioco dilettantistici in cui gli arbitri operano.
Al termine della serata gli arbitri hanno potuto provare, grazie ad appositi manichini elettronici, sia la manovra di Heimlich – utile a disostruire le vie aeree – che le manovre RCP: si tratta di nozioni base che tuttavia potrebbero fare la differenza in caso di soffocamento o problemi cardiaci, e che sicuramente rappresentano un'utile integrazione del bagaglio tecnico ed associativo degli arbitri eporediesi. Sia la Sezione che gli associati presenti, infine, hanno ricevuto un attestato di partecipazione all'incontro formativo.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente