Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Marrazzo e il ritorno nella sua prima casa

Alessandro Valerio Veroli - 02/03/2017, 12:45

Sezione di Tivoli
Ancora una Riunione Tecnica di prestigio per la Sezione AIA di Tivoli, il 24 febbraio infatti c’è stato l’intervento dell’assistente arbitrale CAN A Alfonso Marrazzo di Roma 1, accompagnato dal suo Presidente Sezionale Roberto Bonardo, grande amico come lui della Sezione, Alfonso, associato alla Sezione di Tivoli fino al 2010, ha tenuto la Riunione Tecnica dopo la consueta mezz’ora di spogliatoio, sempre più caratteristica perno della Sezione che ha ricevuto il plauso anche dal Presidente di Roma 1 Bonardo. Alfonso ha quindi spiegato quella che è la vita da assistente di Serie A, raccontando aneddoti sulla sua carriera e le sue partite. La parte cruciale del suo intervento è stata una presentazione nella quale erano elencate tutte le caratteristiche fondamentali di un arbitro e le “virtù” che bisogna avere per poter dare sempre il meglio in campo. Spronando a migliorare e a spingersi sempre più in la negli allenamenti l’ospite ha tenuto un discorso molto importante sulle motivazioni e sull’umiltà di mettersi in gioco fino alla fine. Hanno seguito questo discorso diversi filmati di partite commentati insieme ai ragazzi, discutendo su vari episodi inerenti alla logistica e all’applicazione del regolamento. Finito l’intervento il Presidente di casa Francesco Gubinelli ha dato la parola a Roberto Bonardo, ringraziandolo per la presenza. Bonardo si è detto colpito dall’organizzazione della Sezione Tiburtina e ha poi spronato tutti a dare di più facendo anche un “in bocca al lupo” ai ragazzi dell’ultimo corso. Gubinelli ha quindi omaggiato gli ospiti con “L’Amaretto di Tivoli”, consueto ricordo per tutti gli ospiti, e ha lasciato la scena a Domenico Ramicone, Componente CAN D che ha ringraziato gli ospiti. A chiudere Sergio Coppetelli, ricordando a tutti che l’umiltà è l’elemento principale per lavorare a testa bassa e raggiungere i propri obiettivi. Dopo la riunione, sfruttando la cadenza del giovedì grasso, si è tenuta la consueta festa di Carnevale con cibo e musica, evento che ha ancor più coeso quella che ormai è a tutti gli effetti una grande famiglia.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente