Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Più di 2000 osservatori sono stati impegnati nell'OA DAY sezionale

10/03/2017, 14:15

Con l'OA DAY sezionale, che si è svolto lo scorso 4 marzo, si è concluso il ciclo di incontri formativi per gli osservatori iniziato il 28 gennaio, con l'incontro rivolto agli osservatori regionali e a quelli in organico della Commissione Arbitri Interregionale, e proseguito l'11 febbraio con il Futsal. Il progetto, organizzato dal Settore Tecnico in collaborazione con la CAI, ha infatti l'obiettivo di raggiungere tutti gli organi periferici per lavorare e tendere all'uniformità della valutazione arbitrale.

“Sono state tre giornate molto impegnative, che hanno idealmente unito contemporaneamente ogni parte d'Italia, con il Settore Tecnico in prima linea in stretta collaborazione con la CAI – ha detto il Responsabile del Settore Tecnico Alfredo Trentalange – Sia nel calcio a 11 sia nel Futsal, è di grande importanza la formazione degli osservatori che ogni settimana si recano nei campi per visionare i giovani arbitri. In queste giornate è stata posta particolare attenzione alla valutazione della prestazione arbitrale, per tendere sempre di più ad un'uniformità di giudizio, ed è stato curato anche l'approccio tecnico ed umano con il direttore di gara visionato. Basilare è stato il confronto e la condivisione che si sono creati in ogni appuntamento tra i partecipanti, con una sinergia che ha permesso la crescita di tutto il gruppo”.

Questo appuntamento ha visto la partecipazione di un totale di 2077 osservatori, in forza ai vari Organi Tecnici Sezionali, che sono stati riuniti contemporaneamente in 57 concentramenti in tutt'Italia. Si è quindi proceduto con la visione collettiva di un filmato integrale relativo ad una partita della categoria Allievi.
Al termine della gara, ogni osservatore ha dovuto esprimere subito la propria valutazione numerica sulla prestazione arbitrale. E' quindi seguita una capillare analisi della partita, con i componenti della CAI e del Settore Tecnico intervenuti che hanno illustrato un "rapporto tipo dell'osservatore" ed hanno guidato i presenti nell'esame dei vari aspetti: dal tecnico al disciplinare, dall'atletico al comportamentale, affiancando alle argomentazioni anche alcuni estratti video con le situazioni di gioco collegate.

“L’esperimento di portare anche a livello sezionale l’OA DAY regionale è stato molto positivo – ha detto il Responsabile della CAI Vincenzo Fiorenza – Si sono infatti riscontrati benefici anche al livello più periferico della nostra Associazione, dove gli osservatori trovano una motivazione in più per apprendere in una giornata formativa a loro dedicata e poi ripartire con l’attività sezionale. Il contributo degli osservatori OTS è infatti estremamente importante per portare un contributo tecnico ai giovani arbitri. Una giornata che quindi permette un coinvolgimento dell’intera Associazione con la possibilità di raggiungere tutte le Sezioni per parlare un linguaggio comune”.

"L'appuntamento specifico con l'OTS del metodo formativo dell'OA DAY rappresenta il coronamento di tutto il lavoro che è a monte di una iniziativa di questa portata – ha commentato il responsabile degli osservatori e componente CAI Luigi Stella - In questa giornata si rende concreta la visione di questa AIA, l'Organo Tecnico Nazionale che lavora in sinergia, gomito a gomito, con il Settore Tecnico e restituisce alla base, anche con la presenza nelle varie Sezioni sedi dei concentramenti, tutto il bagaglio di conoscenze ed esperienze. L'entusiasmo palpabile che si riscontra da parte degli osservatori ripaga degli sforzi organizzativi fatti, ricarica le energie per riprendere a lavorare e ci convince sempre di più di quanto sia necessario continuare su questa strada".

L'edizione 2017 dell'OA DAY, nel complesso dei tre appuntamenti, ha quindi visto la partecipazione di 3143 osservatori in tutt'Italia. "Un risultato complessivamente più che soddisfacente in chiave formativa - ha detto il Viceresponsabile Nord del Settore Tecnico Guido Falca - di confronto e di condivisione delle valutazioni assegnate alle prestazioni dei giovani colleghi, utili agli osservatori per poter valutare in modo obiettivo il grado di competenza nei vari aspetti degli arbitri visionati".

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente