Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Ciampi: "Il sacrificio per arrivare all'Olimpo"

Giulia Tempestilli - 13/04/2017, 11:21

Sezione di Roma2
Anche per il mese di aprile Roma 2 non poteva mancare l’appuntamento con le riunioni tecniche impreziosite da ospiti speciali. L’introduzione del Presidente Massimo Ubertini ha però giustamente spiegato che più che un ospite, a farci visita lunedì 3 aprile è un amico e collega stimatissimo: Maurizio Ciampi, ex arbitro di Serie A e B ed attualmente Vice Commissario della Can D.
Così, dopo il consueto video di presentazione, sale in cattedra Ciampi, che introduce se stesso con schiettezza ed ironia, confermando le parole del Presidente e sottolineando il suo legame con Roma 2. Una carriera ricca di soddisfazioni, con all’attivo 186 gare tra Serie A e Serie B. Alla fine della sua attività sui campi arriva la chiamata per la Can D dall’attuale Commissario Carlo Pacifici, consezionale di Ciampi nonchè suo mentore nel corso arbitri che lo introdusse nel mondo arbitrale nel 1989. Un’oppurtunità che ha colto con entusiasmo e piena consapevolezza, nonostante la mole di lavoro che l’organico nazionale più ampio (700 e oltre unità) porti con sé. Per spiegare il tutto Ciampi ha mostrato all’attentissima platea il video girato nei giorni di raduno in quel di Sportilia lo scorso agosto, che racchiude in pochi minuti tutto il sacrificio e la soddisfazione di arbitri, assistenti, osservatori che, nonostante tutto, non aspettano altro che percorrere quella salita che porta all’olimpo dell’arbitraggio, oltre al lavoro e l’impegno degli organi tecnici e dello staff della Commissione che lavorano incessantemente per offrire il meglio ai propri ragazzi.
Si passa così alla parte prettamente tecnica della riunione, con un argomento spinoso ma cruciale in questa stagione ricca di cambiamenti regolamentari: il DOGSO. Dopo una rinfrescata degli elementi tecnici di valutazione, ecco la carrellata di video, tutti presi dalla Serie D: in un dibattito molto costruttivo ogni arbitro presente ha potuto meglio capire in quali occasioni i provvedimenti disciplinari e tecnici si devono differenziare, a seconda di dove e come viene commessa una infrazione che nega una evidente occasione da gol. Una riunione intensa che con le sue ottime capacità di relatore è trascorsa in fretta e senza mai dare la possibilità di distrarsi o annoiarsi.
Alla fine del grande applauso il Presidente ha nuovamente ringraziato Ciampi per l’alto spessore tecnico che ha caratterizzato il suo intervento, sicuro che arricchirà il bagaglio arbitrale di tutti i presenti, e consegnato a nome di tutti un omaggio per la gentile visita.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente