Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

La festa d'esordio per Marini

Antonio Ranalli - 15/05/2017, 12:06

Sezione di Roma1
Una serata da ricordare a lungo per Valerio Marini, che lunedì 8 maggio è stato omaggiato dalla sua sezione di Roma 1 per l’esordio in Serie A, avvenuto nella gara tra Udinese e Cagliari dello scorso 23 aprile. Per l’ultima riunione tecnica della stagione il Presidente di Roma, Roberto Bonardo, ha chiamato come relatori i “Tre tenori” della sua sezione, ovvero gli arbitri Daniele Doveri (CAN A), Federico La Penna e Valerio Marini (CAN B entrambi).
In apertura di serata il presidente Bonardo ha invitato un associato speciale di Roma 1. SI tratta di Massimiliano Colasuonno Taricone, appartenente al calcio a 5, che da qualche mese è stato nominato Console onorario del Ghana. Nel raccontare i suoi impegni, che in questi anni lo hanno visto dividersi per lavoro tra l’Italia e il Ghana. “Nonostante i tanti impegni”, ha affermato Colasuonno Taricone, “non ho mai voluto lasciare l’Associazione Italiana Arbitri. La tessera associativa non l’ho mai usata per andare allo stadio, ma la esibisco sempre con orgoglio ogni volta che incontro le istituzioni, come ho fatto con il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella”. Il Console ha donato alla sezione la maglia ufficiale della nazionale del Ghana. Inoltre, rivolgendosi al Presidente e ai tre illustri relatori della serata, Daniele Doveri, Federico La Penna e Valerio Marini, ha fatto loro dono del kente, tessuto tipico del Ghana “che normalmente un cittadino del Ghana indossa una sola volta nella propria vita, normalmente quando si sposa. Però tutte le persone di responsabilità possono indossarlo tutta la vita, e credo proprio che tutti voi lo siete”.
Un video di Nunzio Grasso ha poi aperto la serata omaggio a Valerio Marini, che ha ringraziato i colleghi Doveri e La Penna. In platea anche la moglie di Valerio, che ha ringraziato “per la pazienza che ha avuto in questi anni. Da quando sono arbitro sono stati 16 anni, 1 mese e 19 i giorni prima dell’esordio in Serie A, e 15 anni invece che sono con lei: il giorno dell’esordio sulla divisa doveva esserci anche il suo nome. E poi ci sono il Presidente, Daniele, Federico e tutti quelli che sono venuti a Udine a vedermi. Quando sei in campo e fai quei 20 / 30 passi c’è tutto un percorso che hai fatto insieme ad altre persone”.
“Sono arrivato all’esordio in Serie A ad un età matura”, ha proseguito Marini, “Ogni volta preparo una gara ricordando il passato, fatto non solo delle gare da me dirette, ma anche degli allenamenti, delle chiacchierate e dei consigli che mi hanno dato Daniele e Federico. Inoltre, prima della gara riguardo sempre il Regolamento”. Marini ha poi spiegato alcune ritualità che caratterizzano la sua preparazione settimanale alla gara.
Al termine della riunione uno scambio di doni. Il Presidente Roberto Bonardo ha consegnato a Valerio Marini, a nome di tutta la sezione, una maglietta celebrativa del suo esordio con su scritta la celebre frase di Valerio “… se ci sono arrivato io…” e un quadro che riproduce la foto di un giovane Valerio al suo ingresso al Corso arbitri e la foto realizzata a Udine il giorno dell’esordio. Dal canto suo Marini ha omaggiato la sezione della divisiva ufficiale indossata nel giorno di Udinese – Cagliari.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente