Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Quarantennale della Fondazione col Presidente Nicchi

Paolo Vilardi - 26/05/2017, 17:07

Sezione di Locri
Un traguardo prestigioso, festeggiato nella splendida location del centro storico di Gerace, alla presenza del Presidente dell’AIA Marcello Nicchi. La Sezione di Locri ha celebrato lo scorso 12 maggio il Quarantennale della sua Fondazione, con la partecipazione di numerose autorità, anche extracalcistiche. Si tratta infatti di un presidio di sport che ha formato tanti arbitri nazionali, con alcuni di questi che hanno raggiunto la massima serie, ma ha dato una forte impronta anche in ambito associazionistico, grazie a una serie di iniziative che hanno riscosso notevole successo, soprattutto nel campo del volontariato.
L’evento “Oltre il fischietto – Associazionismo ed impegno nella Locride”, il titolo non poteva essere più appropriato, è iniziato nel pomeriggio nella Chiesa di San Francesco d’Assisi. Con la moderazione del giornalista Pino Gagliano, il primo a prendere la parola è stato il Presidente di Sezione Roberto Rispoli, in carica da otto anni, che dopo i ringraziamenti di rito ha fatto un excursus dell’attività svolta nei primi 40 anni di vita della propria Sezione, partendo dai fondatori e citando i personaggi di spicco, tra ex presidenti e dirigenti, che si sono susseguiti negli anni e che hanno reso la Sezione stessa un punto di riferimento nella quotidianità per tanti ragazzi del posto.
Pregnante l’intervento dell’Assessore comunale di Gerace, Carmelo Femia, che dopo aver fatto “gli onori di casa” ha rimarcato che «l'agonismo sportivo non può prescindere da alcuni veri valori quali l'associazionismo e il vivere civile, nel rispetto delle regole».
A ruota hanno portato i loro saluti Salvatore Papa, fiduciario CONI per la Locride; Antonio Cosentino, Consigliere federale area sud della Lega Nazionale Dilettanti; Saverio Mirarchi, Presidente regionale LND; Raffaele Pilato, Presidente dell’AIAC Calabria; Carmine Barbaro, Responsabile della Delegazione di Locri della FIGC; Domenico Galasso, ex Presidente sezionale; Giovanni Calabrese, Sindaco di Locri; Giuseppe Gualtieri, Questore di Catania e associato della Sezione di Locri; Stefano Archinà, Componente del Comitato nazionale degli arbitri. Presenti altresì numerose autorità militari, religiose e civili, nonché diversi dirigenti delle altre Sezioni arbitrali della Calabria.
L’intervento conclusivo è stato del Presidente dell’AIA Marcello Nicchi, che tra le varie argomentazioni ha posto in risalto l’azione della Sezione di Locri in ambito sportivo e sociale in questi suoi primi 40 anni di vita.
Nel corso della serata è stata consegnata una borsa di studio ad uno studente di Bovalino, Emanuel Vettrice, individuato per meriti dalla propria scuola e dai servizi sociali comunali; i fondi sono stati raccolti nel corso di un triangolare, disputato nei giorni scorsi tra una squadra di arbitri locresi, la squadra di Amatori calcio Locri e una rappresentanza dei Carabinieri, che si è aggiudicata la competizione. La borsa di studio è stata incrementata grazie a un’ulteriore somma versata dalla Sezione di Locri.
In questi 40 anni uno degli eventi che resterà indelebile nel ricordo degli arbitri della Locride è l’inaugurazione della sezione in Via Regina Margherita di Savoia, a Locri, in data 8 aprile 2011, sotto la Presidenza Rispoli, che corrispose con i festeggiamenti del Centenario dell’AIA. I locali furono donati dalla Fondazione Scannapieco. Alla cerimonia d’apertura parteciparono numerose autorità politiche, religiose e del mondo dello sport, tra cui Marcello Nicchi e l’allora Vescovo della Diocesi di Locri – Gerace, monsignor Giuseppe Fiorini Morosini.

In alto il Presidente sezionale Roberto Rispoli, affiancato dal Presidente Nazionale Marcello Nicchi e dal Presidente regionale Franco Longo. In basso l’arrivo di Nicchi a Gerace, la platea, Franco Longo durante il suo intervento e l’omaggio in ricordo della serata consegnato a Nicchi a fine celebrazione.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente