Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Roma 1, a Francesco Fourneau il Premio Vincenzo Orlandini

Antonio Ranalli - 20/06/2017, 10:17

Sezione di Roma1
“La nostra associazione si sta sforzando affinché tutto il sistema possa crescere nel miglior modo possibile”. Lo ha affermato il componente del comitato nazionale dell’Associazione Italiana Arbitri, Maurizio Gialluisi, in occasione dell’edizione 2017 del “Memorial Vincenzo Orlandini”, appuntamento biennale organizzato dalla sezione di Roma 1.
L’iniziativa, che si è tenuta lunedì 5 giugno nella sala conferenze dello Sheraton Golf Park Hotel di Roma, è stata presentata da Alessandro Paone, coordinatore macroregione Centro della rivista “L’Arbitro”, e ha visto la presenza di numerosi arbitri, assistenti e dirigenti, tra cui i componenti del comitato nazionale dell’A.I.A., Umberto Carbonari e Maurizio Gialluisi, il presidente del CRA Lazio, Luca Palanca, e numerosi arbitri e assistenti della CAN A e della CAN B, e ben cinque arbitri internazionali di Futsal.
Una serata anche commovente perché sono stati ricordati alcuni colleghi venuti a mancare nell’ultimo anno, come Alessandro Capomassi, Gianfranco Menegali e Vittorio Benedetti, oltre al designatore della CAN B, Stefano Farina che, come ha ricordato il presidente di Roma 1, Roberto Bonardo “è stato sempre molto vicino alla nostra sezione. Da anni viveva a Roma e non aveva mai fatto mancare il suo supporto partecipando a lezioni del corso arbitri, riunioni tecniche e intervenendo ad appuntamenti come questo”. Numerosi i premiati, a partire dall’arbitro CAN PRO, Francesco Fourneau, che ha ricevuto il premio più importante, quello dedicato a Vincenzo Orlandini, assegnato all’arbitro di Roma 1 a disposizione degli organi tecnici nazionali che si è particolarmente distinto nel corso dell’ultima stagione agonistica sia sotto il profilo tecnico che associativo.
E’ stato proprio Gialluisi a ha ricordare il prestigio di questa manifestazione che, nel 1968, ebbe l’onore di premiare proprio suo padre Pasquale Gialluisi (arbitro di Serie A negli anni ’70). “Sono venuto per capire quale sensazione si potesse provare a partecipare a questo premio e per questo faccio i complimenti al Presidente Roberto Bonardo e a tutta l’organizzazione”, ha affermato, ricordando l’importante lavoro svolto in questi ultimi anni dall'Associazione Italiana Arbitri “che ha formato moltissimi arbitri internazionali e tanti dirigenti. Di recente una delegazione della dirigente arbitrale cinese è venuta proprio da noi per capire come funziona il nostro modello. Se hanno scelto noi è perché in tutto il mondo riconoscono il lavoro che stiamo svolgendo. Il componente del comitato nazionale dell’A.I.A., Umberto Carbonari ha invece evidenziato l’esito positivo della stagione appena conclusa, soffermandosi sui campionati nella regione Lazio, riscontrando solo “nota negativa”, ovvero che il Lazio è salita “al terzo posto per episodi di violenza sui campi. Un aspetto su cui conservo fiducia per le misure che saranno intraprese”. Carbonari e Gialluisi hanno premiato il presidente di Roma 1, Roberto Bonardo, per l’impegno profuso in questi anni nell’attività associativa.
Spazio quindi ai premiati nelle varie categorie. Oltre a Francesco Fourneau, sono stati premiati Alex Iannuzzi (Premio “Michele Centineo”, miglior arbitro a disposizione della CAN 5), Daisuke Emanuele Yoshikawa (CAN PRO, Premio “Loris Gandin”, miglior assistente a disposizione degli OO.TT. Nazionali), Claudia Scalise (CAI, Premio “Antonio Clemente” miglior osservatore a disposizione degli OO.TT. Nazionali C/11) e Paolo Talarico (CAN 5, Premio “Nicola Macchiarella” (miglior osservatore nazionale C/5). Al componente della CAN D, Maurizio Ciampi è stato assegnato il Premio ”Antonio Scalise” (al dirigente di Roma 1 particolarmente distintosi nell’adempimento del proprio incarico), mentre a Roberto Fichera (Settore Tecnico CAN 5) e Giancarlo Lombardi (componente CRA Lazio) il Premio speciale intitolato alla memoria di Generoso Dattilo. Sono stati inoltre premiati Giuseppe Milone e Antonio Ranalli (Premio “Mario Lo Sasso” riservato agli arbitri a disposizione dell’ Organo Tecnico Sezionale), Stefano Pambianco (Premio “Marcello Percopo”, miglior arbitro a disposizione dell’Organo Tecnico Sezionale C/5), Ivano Pubblico (Premio “Franco Germani", miglior arbitro a disposizione dell’Organo Tecnico Regionale C/5), Nirintsalama Andriambelo e Alessandro Silvestri (Premio “Gianfranco Menegali” per i migliori arbitri a disposizione dell’Organo Tecnico Regionale), Nunzio Grasso (Premio “Roberto Bartolini”, miglior assistente a disposizione dell’Organo Tecnico Regionale), Luciano Nicoli (Premio “Sergio Bonolis, miglior osservatore a disposizione dell’Organo Tecnico Regionale C/11, Francesco Giordano (Premio “Carmine Ascione”, miglior osservatore a disposizione dell’Organo Tecnico Sezionale C/11) e Giovanni Guerriero (Premio “Alessandro Capomassi”, miglior osservatore calcio a 5. Ad Alessandro Fagnani il Premio speciale intitolato alla memoria di Bruno Biagetti, al vice presidente della sezione di Roma 1, Stefano Mattera, il Premio speciale intitolato alla memoria di Riccardo Lattanzi, mentre ad Antonello Aronne è andato il Premio speciale intitolato alla memoria di Vittorio Benedetti.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente