Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Istituiti i premi “Cichello” e “Bilotta”

Piergiorgio Betrò - 23/06/2017, 13:22

Sezione di Vibo Valentia
Lo scorso 19 maggio, presso l'auditorium del Liceo Scientifico “Berto”, la Sezione di Vibo Valentia ha organizzato la manifestazione per la consegna del 1° Premio “Carlo Cichello” e del 1° Premio “Benedetto Bilotta”, intitolati ai due colleghi scomparsi tra il 2015 ed il 2016.
Carlo Cichello, arbitro benemerito, più volte dirigente sezionale e referente dell'AIA presso il Giudice Sportivo Territoriale, è scomparso a causa di un improvviso malore.
Benedetto Bilotta, giovanissimo arbitro dell'Organo Tecnico Sezionale, è scomparso tragicamente dopo numerosi mesi trascorsi in ospedale per combattere una terribile malattia, diagnosticata pochi giorni dopo aver partecipato ad un torneo di calcio arbitrale nel luglio 2015.
Per l'occasione, sono giunti in città numerose autorità regionali e nazionali dell'Associazione, tra cui Stefano Archinà, Componente del Comitato Nazionale AIA, anche in rappresentanza del Presidente Marcello Nicchi, e Franco Longo, Presidente del Comitato Regionale Arbitri Calabria, nonché Presidenti di Sezione calabresi e componenti CRA.
Numerose anche le autorità civili e religiose, oltre a docenti del Liceo Scientifico, dove Benedetto Bilotta stava frequentando l'ultimo anno.
La Sezione vibonese, presieduta da Francesco Barbuto, ha inteso istituire i due premi annuali da assegnare all'Osservatore Arbitrale in forza all'Organo Tecnico Sezionale particolarmente distintosi, intitolato a Carlo Cichello, e all'arbitro effettivo, sempre dell’organico sezionale, particolarmente distintosi, intitolato a Benedetto Bilotta. Questi premi sono stati istituiti a distanza di diversi anni dai premi “Fedele” ed “Inzillo”, anche questi associati vibonesi prematuramente scomparsi quando ancora in attività e assegnati per dieci anni.
Per la stagione sportiva 2015 / 2016, il Premio Cichello è stato assegnato all'Osservatore Isidoro Nunziata, mentre il Premio Bilotta è andato ex equo agli arbitri effettivi Antonio Carlizzi ed Enrico Pasqua.
Presenti alla manifestazione anche i familiari dei due arbitri scomparsi, che hanno apprezzato, commossi, il ricordo dei propri cari.
Premiati anche gli arbitri e gli osservatori in forza agli Organi Tecnici Nazionali, mentre una pergamena ricordo è stata consegnata a tutti gli arbitri benemeriti della Sezione.
La memoria degli associati diventa significativa esaltazione dell’associazionismo; l'AIA quindi non solo come servizio alla FIGC per il corretto svolgimento dei campionati, ma anche come movimento di correttezza e fratellanza, che si rafforza e si consolida in questi momenti.

Nelle foto i momenti salienti della manifestazione.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente