Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Presidente e ospiti celebri grandi motivatori al raduno di Bari

Ferdinando Insanguine Mingarro - 17/09/2017, 11:00

CRA Puglia
Con la grinta di sempre ricominciano a correre gli arbitri, gli assistenti e gli osservatori pugliesi che lo scorso 1 e 2 settembre sono stati impegnati nel raduno precampionato, svoltosi a Bari.
E sono proprio questi i tre punti cardinali che il Comitato Regionale Arbitri pugliese ha individuato con il proposito di «lavorare tutti insieme, seguendo un'unica direzione - afferma il riconfermato Presidente Giacomo Sassanelli in apertura di raduno - per costruire una grande squadra arbitrale». Già, squadra: perché non è un caso che, per la prima volta, tutti gli arbitri ed assistenti neopromossi nelle categorie nazionali abbiano partecipato ai lavori del raduno, agendo da sprone per i loro colleghi più giovani. Squadra che, da questa stagione sportiva, vedrà due nuovi Componenti del Comitato, Vito Albanese e Giuseppe Palmisano, e continuerà a contare sull'esperienza di Luigi Curzi che, dopo otto stagioni da componente, rivestirà il ruolo di Segretario e collaboratore del CRA. Ed è proprio dal paradigma associativo di Curzi che prende avvio l'intervento del Componente del Comitato Nazionale, Umberto Carbonari: «L'esempio di Curzi, il lungo e sincero applauso che tutti gli hanno dedicato, valorizza l'aspetto umano della nostra Associazione e mi rende orgoglioso di rappresentarla oggi». Partendo dall'aspetto etico ed associativo, Carbonari ha proseguito sul motivazionale: «L'alto numero di rappresentanti nazionali di cui gode la Puglia -afferma, rivolgendosi ai giovani arbitri ed assistenti in platea - sia per voi uno sprone, ma anche una importante risorsa tecnica».
I lavori del raduno entrano poi nel vivo con il Presidente Sassanelli ed i diversi componenti a calarsi nelle vesti di relatori per fornire le disposizioni tecniche e comportamentali.
Novità regolamentari e direttive sul briefing pre-gara tengono banco nelle battute successive della riunione per lasciare spazio, poi, ad una sessione di match analysis in cui sono stati sviscerati episodi di fuorigioco, DOGSO e grave fallo di gioco.
Nel pomeriggio, ha partecipato ai lavori della riunione plenaria il Responsabile CAN PRO Danilo Giannoccaro che, con un lungo ed appassionato intervento, ha posto l'accento sull'organizzazione e la professionalità del raduno: «Vedo la voglia, l'ambizione nei vostri occhi», ha detto. «Sappiate cogliere le opportunità che questi momenti di aggregazione ed aggiornamento vi forniscono. Così facendo, potrete giocarvi le vostre carte sino alla fine, con le vostre qualità tecniche e comportamentali».
In serata, gli assistenti hanno seguito il Componente Flaviano Lanciano per un approfondimento su segnalazioni, fuorigioco e collaborazione, mentre gli arbitri hanno ascoltato un'accurata disamina sul riscaldamento del referente atletico Sergio Pellegrini seguita dall'interessante intervento del nutrizionista Atanasio De Meo.
Nella giornata seguente, arbitri, assistenti ed osservatori hanno seguito con attenzione gli interventi dei Componenti del Settore Tecnico Antonio Latini, Giovanni Pentangelo e Raffaele Rotondo che, con carisma e competenza, hanno illustrato la Circolare n. 1. Un'attenzione particolare è stata conferita agli osservatori che, con il Componente Vito Albanese, hanno partecipato ad una lunga riunione sulle disposizioni per la nuova stagione.
Alla presenza delle autorità federali ed arbitrali, tra cui il Componente Nazionale Umberto Carbonari e della Commissione CAI, Raffaele Giovem sono stati presentati i nuovi Mentor pugliesi, Giuseppe De Pinto per il Calcio e Dario Fiorentino per il Calcio a Cinque, nonché i nuovi giovani “talenti”.
Spazio poi agli ormai tradizionali Premi "Annoscia" quest'anno riconosciuti a Salvatore Montanaro, come miglior arbitro esordiente in Eccellenza, a Nico Valentini, per la Promozione ed Antonio Spera per la Prima Categoria. Premiati anche come miglior assistente Leonardo Miceli e, come osservatore, Mauro Binetti. Per il Calcio a Cinque, riconoscimenti a Giovanni Pio Di Benedetto come arbitro maggiormente distintosi ed a Gianluca Gramegna per gli osservatori.
Sassanelli ha concluso i lavori citando una nota affermazione di Nelson Mandela e ha invitato i giovani arbitri ed assistenti a continuare a sognare e non arrendersi mai perché solo gli inarrendevoli sognatori diventano vincitori raggiungendo le ambite mete.

In copertina una foto della platea durante i lavori
In gallery:
- La Commissione CRA al completo con al centro il Presidente Sassanelli e, alla sua destra, il Vice Presidente Piazzolla
- Uno scatto durante i test atletici, svolti a Bari il 28 agosto
- Umberto Carbonari, durante il suo intervento.
- Sassanelli parla alla sua squadra durante i lavori tecnici del raduno
- Giannoccaro, durante il suo intervento agli arbitri e gli assistenti pugliesi
- Un momento della riunione tecnica degli osservatori
- I premiati con gli "Annoscia"

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente