Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

La visita del presidente regionale Luigi Stella

Matteo Stroppiana - 18/10/2017, 11:00

Sezione di Bra
Recentemente, nei locali della Sezione di Bra, la bisettimanale riunione tecnica obbligatoria è stata tenuta dal neo-presidente regionale Luigi Stella, accompagnato dal Segretario del CRA Maria Giovanna Alibrandi e dal componente Lorenzo Callegaro, che "giocava in casa" in quanto associato proprio della di Bra. Dopo un breve saluto del presidente Marengo e dei due componenti intervenuti, Stella ha cominciato una riunione che si è rivelata più associativa che tecnica, in quanto ha esposto i progetti del nuovo CRA, totalmente rinnovato e ricco di esperienza anche a livello nazionale; questo non prima di aver ringraziato per il lavoro svolto negli 8 anni precedenti Gianmario Cuttica, attualmente Componente alla CAN D e due colleghi della Sezione che hanno collaborato con lui: Stefano Carrer e Mirko Vergano, rispettivamente vicepresidente e responsabile della prima categoria; questi ringraziamenti, come ha detto lo stesso Stella, non sono di cortesia, ma servono a dimostrare la vera riconoscenza per aver lasciato il CRA Piemonte - Valle D'Aosta in perfetto stato. Il presidente ha continuato snocciolando alcuni numeri legati alla forza associativa della regione, che è già in salute, ma può ancora migliorare sotto la forma dell'impegno.
Molti gli aspetti positivi da sottolineare, come la collaborazione tra Sezioni e CRA che ha permesso di coprire tutte le partite, 1500 a settimana nel mese di settembre, a causa delle qualificazioni ai campionati regionali del settore giovanile e alle gare infrasettimanali di Coppa Italia. La riunione si è conclusa con il toccante ricordo di Stefano Farina, ex arbitro internazionale e designatore alla CAN B, spentosi il 23 maggio di quest'anno. Il presidente Stella ha fatto vedere il video di una partita della scorsa Serie A mandatogli da Stefano Farina negli ultimi giorni della sua vita, quando, bloccato nel suo letto, non riusciva nemmeno più a comunicare oralmente, ma ha trovato la forza per seguire l'esordio di un giovane arbitro, ritagliare un episodio interessante e mandarlo ai suoi colleghi e amici perchè lo facessero vedere "ai loro ragazzi". Un esempio di vera passione arbitrale, portata allo stremo, ma da cui tutti devono trarre ispirazione.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente