Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

I° Premio alla memoria del Fondatore Mimmo Romeo

Paolo Vilardi - 26/10/2017, 14:18

Sezione di Paola
A distanza di un anno dalla sua scomparsa, su input della propria famiglia, ha ricevuto la degna commemorazione degli arbitri della Sezione di Paola, che fondò insieme a un numero ristretto di associati nell’ormai lontano 1973.
L’arbitro benemerito Domenico Romeo, Mimmo per gli amici, con i suoi 65 anni di tessera AIA è stato Presidente di Sezione dal 1982/’83 al 1993/’94, anni che hanno segnato la crescita esponenziale del presidio arbitrale paolano in ambito tecnico, in uno sfondo associativo mai trascurato, caratterizzato da rapporti con istituzioni e associazioni varie, nonché da tanto coinvolgimento delle famiglie degli associati nelle attività ludico – ricreative.
Una persona amata che non poteva meritare cerimonia migliore, il I° Premio “Domenico Romeo” dello scorso 19 ottobre, istituito su proposta dei suoi familiari per tenere sempre vivo il ricordo del Fondatore e per assegnare un riconoscimento all’arbitro che sulla scia dei suoi principi si è distinto nella vita associativa, “trasmettendo all’esterno i principi educativi su cui è fondata l’AIA”.
Presenti alla manifestazione il Componente del Comitato Nazionale dell’AIA Stefano Archinà, il Presidente del Comitato Regionale della Calabria Franco Longo, il figlio del commemorato, Francesco Romeo, ex arbitro, e il sindaco di Paola Roberto Perrotta. Quest’ultimo, rammentando che la cerimonia è stata patrocinata dal Comune tirrenico, nel suo ricordo ha posto l’accento "sulla funzione educativa che svolse in città" il compianto “Professore” Romeo, integerrimo maestro elementare, "sia nel suo lavoro sia in ambito arbitrale".
In apertura, dopo la proiezione di un video ricordo del “Professore”, il Presidente di Sezione Marco Maiorano, dopo aver fatto gli onori di casa, ha detto che «questo Premio è un momento di forte emozione e, soprattutto, di associazionismo puro. E’ importante rimarcare, attraverso una figura così importante, il valore della riconoscenza verso chi, indistintamente, con spirito di abnegazione e sacrificio, ha contribuito e contribuisce nel tempo – ha concluso - a rendere la nostra realtà così consolidata nel nostro territorio, sotto ogni punto di vista».
A ruota il Presidente CRA, Franco Longo, uno degli associati paolani che ha trascorso più tempo a stretto contatto con il commemorato: «Appena entrato nell’AIA, a 18 anni, sono stato accolto dal Professore Romeo e dagli associati del tempo, tra cui gli altri fondatori della Sezione di Paola. Oltre che un valido dirigente arbitrale il Professore è stato un maestro di vita che aveva correttezza e rettitudine nel suo Dna, una persona che sempre prodiga di consigli ha formato la coscienza di tanti ragazzi. Dai suoi insegnamenti ho appreso molto, sia in qualità di arbitro sia sotto l’aspetto prettamente dirigenziale».
Francesco Romeo, ideatore del Premio, nel suo intervento ha detto che «mio padre era una persona schiva, riservata, ma pronta a spendersi per gli altri. Come figlio mi avrebbe preso in giro se gli avessi detto che avrei proposto un Premio alla sua memoria, ma in cuor mio so che sarebbe stato molto orgoglioso di poter assistere ad una manifestazione così bella, così ben organizzata, sentita e partecipata da giovani colleghi – ha concluso - che percorrono, con vera passione, la stessa strada».
Dopo aver portato i saluti del Presidente dell’AIA Marcello Nicchi, il Componente Nazionale Stefano Archinà, davanti alla famiglia Romeo, seduta in prima fila, ha rimarcato che «è fondamentale per un’Associazione come la nostra, ricordare una figura importante come l’arbitro benemerito Domenico Romeo, che non ho avuto il piacere di conoscere, ma solo dalla postura che noto nelle foto immagino quanto fosse una persona retta. Per noi è abbastanza facile andare avanti su questo percorso arbitrale, pertanto abbiamo il dovere di sforzarci più spesso e riflettere – ha concluso Archinà - su chi in passato ha tracciato questa strada, dando a noi le opportunità che stiamo vivendo».
Ha concluso la cerimonia uno scambio di omaggio tra gli invitati è l’attesa assegnazione del I° Premio “Domenico Romeo”, che si è aggiudicato il Vicepresidente della Sezione di Paola Antonio Longo, veterano sempre prodigo nell’attività tecnica e associativa per far crescere il presidio arbitrale paolano, proprio come il “Professore” avrebbe voluto.

In alto la foto di gruppo
In gallery:
- L’apertura dei lavori
- Gli spettatori
- Marco Maiorano durante il suo intervento
- Franco Longo durante il suo intervento
- Stefano Archinà durante il suo intervento
- La famiglia Romeo (con un omaggio in mano Francesco Romeo, ideatore del Premio)
- La consegna del Premio ad Antonio Longo (con in mano la targa)

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente