Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Al raduno della CAN PRO la visita del vicepresidente dell'AIA Narciso Pisacreta

Federico Di Giovanni - 26/10/2017, 22:30

Seconda giornata e ancora più intenso lavoro per il gruppo CAN PRO. La giornata inizia presto con il controllo del peso effettuato sotto la supervisione della dott.ssa Antonella Maglietta del Settore Tecnico, la mattinata prosegue al campo di Villanova dove il gruppo degli arbitri sostiene i test atletici; come d’abitudine 40 metri e yo-yo test. La Stagione è entrata nel vivo e i ragazzi esprimono un ottimale stato di forma.
Al termine della sessione atletica, prima di pranzo, Danilo Giannoccaro riunisce gli arbitri in aula per comunicare messaggi fondamentali ora che si è nel vivo della Stagione: “Siamo un gruppo, un’equipe. Ognuno di noi ha un’enorme responsabilità nei confronti dell’intera equipe CAN PRO. L’errore di uno è il fallimento dell’intero gruppo. Dobbiamo vincere tutti insieme e per farlo dobbiamo sempre ricordarci di essere umili”.
Dopo il pranzo la giornata è proseguita con l’arrivo degli assistenti arbitrali che, con i Componenti Paolo Calcagno e Renato Faverani, hanno iniziato il raduno direttamente sul terreno di giuoco per i test atletici.
In albergo gli arbitri proseguivano nella full immersion tecnica con Giannoccaro ed il Componente Maurizio Ciampi, numerosissimi gli argomenti trattati: DOGSO, mass confrontation e fisicità delle prestazioni arbitrali.
Nella prima parte della serata si sono fatte due riunioni congiunte, una delle quali senza precedenti nella storia dell’AIA. Si tratta della congiunta tenuta dai Responsabili Morganti e Giannoccaro agli arbitri di CAN B e CAN PRO. Contemporaneamente si svolgeva anche la congiunta per assistenti delle medesime categorie.
Prima di cena è giunto il graditissimo intervento del vicepresidente dell'Associazione Italiana Arbitri Narciso Pisacreta che, portando i saluti del presidente Nicchi, ha voluto ricordare alla platea quanto l’organizzazione ed il funzionamento dell’odierna AIA siano di grande esempio per tutte le Federazioni arbitrali straniere. “Non possiamo non notare come ad ogni occasione di sperimentazione di qualcosa di rivoluzionario per il mondo del calcio, l’AIA e l’Italia siano sempre in prima posizione per dare il via a questi progetti”, queste alcune delle parole di Pisacreta in merito all’eccellenza arbitrale italiana, universalmente riconosciuta da qualsiasi Federazione calcistica come fiore all’occhiello del mondo dei fischietti. Ad impreziosire ulteriormente la platea e a rendere questo incontro una sorta di riunione verticale degli Organici Tecnici Nazionali, la presenza del Responsabile CAI Andrea Gervasoni e dellla CAN D Matteo Trefoloni con il Componente Domenico Celi, e ovviamente dei Componenti CAN B Christian Brighi e Cristiano Copelli.
La serata proseguirà poi con aula e tecnica per arbitri ed assistenti.
Domani ultimo giorno di raduno e poi tutti pronti per scendere in campo ulteriormente arricchiti da tutta l’esperienza assorbita in questa variegatissima tre giorni.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente