Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Futsal protagonista: Chiara Perona in visita a Modena

Mirko Cino - 08/11/2017, 14:00

Sezione di Modena
È stata una riunione tecnica differente quella tenutasi alla presenza dell’arbitro internazionale di Calcio a 5, Chiara Perona, della Sezione di Biella. La visita della Perona alla Sezione di Modena si inserisce nell’annuale iniziativa dell’AIA di far incontrare le Sezioni con arbitri e dirigenti appartenenti agli Organici nazionali, al fine di condividere con i colleghi più giovani l’esperienza maturata sul campo. Dopo un allenamento di rifinitura, guidato nel pomeriggio propria da Chiara nei campi attigui ai locali sezionali, il Presidente Pierpaolo Perrone ha aperto la riunione alla quale, oltre all’ospite sorteggiato hanno preso parte altri illustri partecipanti quali Michele Conti, componente del Comitato Nazionale dell’AIA e Riccardo Arnò, componente della CAN5. Inoltre dal Comitato Regionale Arbitri dell’Emilia Romagna sono intervenuti Tito Stampacchia, Componente delegato al Calcio a 5, e Andrea Sabatini altro componente CRA.
Nel suo intervento, durato settanta intensi minuti, la Perona ha affrontato numerosi argomenti tecnici e motivazionali non mancando di vincere la reticenza propria dei colleghi impiegati in altre discipline, “la stesa che ha dovuto vincere il mio presidente di Sezione – racconta la Perona – quando gli proposi di passare al futsal”. Chiara ha ripercorso le motivazioni che l’hanno spinta a “fare il salto” in questa disciplina, all’inizio chiamata “calcetto”, poi “calcio a 5” e infine “futsal”, differenti terminologie utilizzate nel tempo a simboleggiare l’enorme crescita ed evoluzione che c’è stata in questo sport sia dal punto di vista regolamentare, ma anche organizzativo e di seguito di media e pubblico.
“Proprio a causa degli spazi ridotti, della velocità del gioco e la vicinanza del pubblico – ha proseguito l’internazionale – le qualità che deve possedere un arbitro di calcio a 5 sono legate alla necessità di assumere decisioni ripetutamente e sotto pressione, nell’ambito di un Regolamento complesso per varietà di casistiche. Quindi, anche se una gara di futsal ha una durata minore in spazi più compressi, per l’arbitro è richiesto uno sforzo mentale e fisico ad altissime intensità”.
Ha destato molta curiosità, per i non specialisti, la dinamica dell’arbitraggio in coppia, in cui entrambi gli arbitri hanno le stesse competenze sul rettangolo di gioco. La Perona sull’argomento ha spiegato che il non travalicare le competenze del collega di turno è legato al feeling umano e tecnico che si viene a creare sin dalla ricezione della designazione, proseguendo col briefing pre-gara e il costante e pedissequo contatto visivo durante il match. Le dinamiche dell’arbitraggio in coppia hanno introdotto la visione di alcuni video inerenti casistiche regolamentari su sostituzioni, contatti alti reiterati, situazioni gol/non gol, tackle, gestione delle proteste di calciatori e panchine ed effetti del tiro scagliato prima del suono della sirena, raccolti dal portale web della CAN 5 ed estrapolati da gare dirette dalla stessa Perona, che ha così spiegato sensazioni e pensieri vissuti al momento. Alcuni video riprodotti, infatti, riguardavano anche delle sue gare all’estero, e sono stati lo spunto per raccontare anche degli aneddoti sulle esperienze internazionali vissute da quando ha ricevuto il badge a Gennaio 2016, fino ad essere la prima italiana a dirigere gare del round preliminare di UEFA Futsal Cup maschile.
A conslusione della serata Chiara Perona ha voluto donare la propria divisa internazionale alla Sezione, ricevendo di contro un omaggio dal Presidente Pierpaolo Perrone.

In anteprima Chiara Perona nel pieno del suo intervento. In gallery: alcuni momenti della serata; Perona dona la propria divisa internazionale alla Sezione; lo scambio di doni; alcune immagini della cena conviviale; Andrea Colombo, Olga De Giorgi, Pierpaolo Perrone, Chiara Perona, Sirio Lanuti, Paolo Adriani Serano, Mirko Cino e Riccardo Arnò; foto di gruppo con il componente del Comitato Nazionale Michele Conti.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente