Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Marco Piccinini in visita dagli arbitri piombinesi

Alessandro Tanzini - 13/11/2017, 14:30

Sezione di Piombino
Mercoledì 08 novembre gli Arbitri piombinesi hanno ricevuto la graditissima e stimolante visita di Marco Piccinini di Forlì, arbitro nell’organico della CAN B. Marco con la sua simpaticissima cadenza romagnola ha saputo catturare immediatamente l’attenzione della giovane compagine arbitrale illustrando la sua “Formazione Ideale dell’Arbitro”, ovvero un 4-3-3 composto dal Portiere (il regolamento), quattro difensori in linea composti da Preparazione atletica, Preparazione mentale, Preparazione tecnica individuale e Preparazione tecnica della partita. Il centrocampo si avvale dell’Arbitro in regia, con Lettura della partita ed Anticipo degli eventi ai suoi lati. L’attacco è invece composto dal Team work e dall’Interpretazione sui lati mentre al centro, il bomber, è la Decisione. Tutto questo è apparentemente semplice, facile da comprendere da chiunque; quello che invece è meno apprezzabile del lavoro dell’Arbitro sono la dedizione all’attività, il duro lavoro e gli allenamenti necessari, i sacrifici propri e spesso imposti ai propri cari, le delusioni e, talvolta, i fallimenti. Tutta questa seconda zona costituisce la parte immersa dell’iceberg, quella che la gente non vede. Si è trattato di un’analisi semplice, una pura constatazione di fatti farcita di quelle verità innegabili che tutti noi conosciamo bene. Di contro ha poi intrattenuto i presenti sui valori che contraddistinguono la classe arbitrale, che guidano gli atleti anche a diventare “uomini veri”, ad essere riconosciuti come “positivamente diversi” dagli altri e di come questa attività sia una grande occasione formativa, non solo sportiva, dalla sua natura spiccatamente pedagogica che consente, a chi la pratica, di superare i momenti difficili, anche grazie all’insostituibile ruolo della Sezione di appartenenza. Per farla breve, l’attività arbitrale altro non è che una scuola di vita di gran classe e lignaggio oltre a costituire, per chi ha la fortuna di praticarlo, un’inesauribile fonte di divertimento, soddisfazioni e gratificazioni. Non va peraltro dimenticato, o tantomeno minimizzato, lo stress, le umane paure e qualche immancabile sofferenza. Marco ha poi marcato la sottile differenza tra “Avere talento” ed “Essere talento”. Successivamente sono stati visualizzati ed analizzati una serie di filmati tecnici con episodi molto interessanti che hanno coinvolto i giovani in un fitto scambio di opinioni. In generale si è trattato di una lucida e serena analisi dell’intera attività arbitrale, una laica disamina di ogni aspetto che la contraddistingue, quelli dolci delle soddisfazioni e quelli amari del duro lavoro e delle delusioni; perciò il Presidente Riccardo Pucini e tutta la Sezione non possono che ringraziare Marco per la sua semplicità, per la chiarezza con la quale ha esposto il tutto e per la grande umiltà con la quale si è reso disponibile verso i giovani colleghi toscani. A fine serata c’è stato un reciproco scambio di auguri riguardo il raggiungimento degli obiettivi che ognuno si è proposto.

In anteprima: Marco Piccinini durante un momento della riunione. In gallery: alcune foto della sala durante la riunione, ancora Marco Piccinini con il presidente di Sezione Riccardo Pucini.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente