Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

La cerimonia di consegna del premio “Giovanni De Toma”

Vincenzo D’Acunzi - 26/11/2017, 12:00

Sezione di Asti
La riunione della Sezione di Asti ha visto la visita del presidente del Comitato Regionale Arbitri di Piemonte e Valle d'Aosta Luigi Stella, che era accompagnato dal suo vice Guido Falca e dal componente Francesco Gualtieri, nella doppia veste di ospite ed associato della Sezione.
La visita del presidente CRA era attesa dal presidente Vito Zarrilli, sia per il piacere di poter avere Luigi nella Sezione e per poterlo presentare ai tanti associati ma anche per consegnare i premi sezionali relativi ai meriti conseguiti nella precedente Stagione Sportiva. Nell’occasione della serata è stato infatti consegnato il premio sezionale Stagione 2016/2017 “all’arbitro della sezione di Asti che si è maggiormente distinto dal punto di vista tecnico” Matteo Gualtieri per aver conseguito il passaggio come arbitro alla CAN PRO.
Un premio speciale è stato assegnato all’Arbitro Benemerito Valter Brumana come “associato più anziano del Piemonte e Valle d’Aosta”. Valter nato nel febbraio 1928, associato alla Sezione dal 27/04/1946, all’attivo 72 anni di tessera, oltre ad avere arbitrato a livello nazionale in un calcio di altri tempi in cui si andava ad arbitrare in bicicletta, ha ricoperto ruoli dirigenziali sia nell’AIA sia come presidente del locale comitato FIGC.
Il terzo premio consegnato nella serata è stato l’ormai consueto “Giovanni De Toma”, che da qualche anno ricorda la memoria del defunto associato della Sezione di Asti, scomparso nel 2003 a causa di un male incurabile. Il premio De Toma per “l’associato della Sezione di Asti che si è distinto maggiormente per meriti associativi” è stato assegnato all’ex presidente sezionale ed osservatore CAN D Fulvio Bortignon. Il consiglio direttivo nel premiarne l’impegno a favore dei giovani associati ha altresì deciso di non consegnare un premio materiale ma di devolvere una somma in denaro - equivalente all’acquisto di un premio - come contributo benefico all’Associazione Italiana per la Ricerca sul Cancro.
Il presidente Vito Zarrilli ha poi ceduto la parola a Fulvio Bortignon che ha ringraziato tutti per l’ambìto riconoscimento ed ha ricordato brevemente Giovanni De Toma ai giovani associati che non hanno potuto conoscerlo. Nel delinearne le caratteristiche, Fulvio lo ha descritto come un associato serio ed integerrimo sul terreno di giuoco e nel lavoro ma che sapeva nei momenti di svago essere sempre pronto a ridere e scherzare, vero motore della vita associativa sezionale. La caratteristica più importante di Giovanni era però quella di essere sempre disponibile per la sezione - dove passava molto del suo tempo libero - innamorato dell’arbitraggio e sempre pronto ad aiutare chiunque ne avesse bisogno a qualsiasi ora della giornata.
Dopo le tre premiazioni il presidente del CRA Luigi Stella, in un’ottica di continua crescita ed aggiornamento arbitrale, ha fatto poi vedere dei filmati sulle prime giornate di Campionato.
La serata si è poi conclusa con un ricordo che Luigi ha fatto di Stefano Farina, mostrando un video di una gara dello scorso campionato di serie B, del periodo in cui Stefano ormai gravemente malato era in ospedale e - nonostante la malattia - invece di pensare alla sua salute, continuasse ancora a guardare in televisione e ritagliare spezzoni di filmati di gare per dare consigli ai suoi arbitri per aiutarli a migliorare.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente