Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Vettorel: «Gli errori formano e daranno valore alle vittorie»

Dario Acquafredda - 30/11/2017, 11:40

Sezione di Molfetta
La cultura dell'errore, è, senza ombra di dubbio, un percorso, un sentiero, che ogni arbitro deve intraprendere per ritrovarsi migliorato e più preparato rispetto al passato.
«L'unico vero errore è quello da cui non impariamo nulla». Si è presentata così Veronica Vettorel, assistente di Lega PRO, internazionale, della Sezione di Latina.
Non serve ascoltarla, una donna forte la si riconosce già dai suoi comportamenti; e Veronica è una di quelle donne da cui si ha tanto da imparare, per determinazione, tenacia, lavoro e sacrificio.
Lo scorso 24 novembre la Sezione "Paolo Poli" di Molfetta ha avuto il piacere di ospitarla e vivere con lei un momento fortemente associativo, nonché di crescita umana ed arbitrale.
Veronica ha analizzato con i presenti, le fasi di risoluzione dell'errore, a partire dalla sua accettazione fino alla sua trasformazione, passando per una giusta metabolizzazione.
«Fate dell'errore il vostro miglior amico». Parole potenti quelle di Veronica che, rivolgendosi soprattutto ai più giovani, ha raccontato di quanto le mura sezionali, e quindi i consigli dei colleghi più grandi, siano fondamentali per una giusta crescita comportamentale e tecnica.
Riconoscere l'errore, condividerlo, e costruire su esso, le scale per superare i nostri limiti, è un percorso necessario per chi vuol svolgere questo ruolo.
Subito dopo l'analisi del concetto di errore, Veronica ha voluto mostrare ai presenti alcuni suoi filmati, evidenziando diversi aspetti di natura tecnica e di lettura delle situazioni di gioco.
Prima della chiusura della riunione, l'ospite ha tenuto a precisare che: «Temere gli errori è temere la vita. Devi essere pronto a sbagliare. L'importante è non commettere lo stesso errore di nuovo. Solo l'uomo che evita i vecchi errori, ma non ha paura a commetterne di nuovi, vive e impara. Ed è anche l'uomo che, oltre tutto, vince».
Ed è proprio con questa frase di Osho che Veronica ha concluso il suo intervento nella Sezione molfettese, cui è seguito un forte e caloroso applauso di ringraziamento per quanto esposto.

In copertina, un momento della riunione tenuta da Vettorel
In gallery, alcuni momenti dell'evento tra cui, nell'ultima foto, il Presidente di Sezione Antonio De Leo che omaggia Veronica Vettorel

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente