Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

La CAN PRO ricomincia dal raduno di Tivoli con arbitri ed assistenti

Arturo D'Orsogna - 12/01/2018, 22:00

Il 2018 arbitrale come da tradizione si apre con il raduno di metà stagione della CAN PRO riunitasi presso l’hotel Duca D’Este di Tivoli. Novità di questo raduno è la partecipazione unitamente ai 70 arbitri dei 141 assistenti arbitrali. Questa è una novità assoluta visto che nelle Stagioni passate gli assistenti non avevano mai partecipato ad un raduno di metà Campionato congiuntamente agli arbitri.
Il programma dei lavori dei tre giorni, dal giovedì al sabato, è incentrato sia alla verifica delle condizioni fisico atletiche degli arbitri e degli assistenti dopo la sosta natalizia, e sia sulla loro continua formazione tecnico regolamentare.
Al giovedì i lavori, diretti dal Responsabile Giannoccaro, sono iniziati fin dalle prime ore del pomeriggio con una full immersion dedicata alla visione dei filmati delle ultime partite del girone di andata del Campionato. Ma prima di iniziare i lavori, il monito di Giannoccaro è stato “Dopo la lunga sosta bisogna ricominciare con la stessa voglia e lo stesso entusiasmo di inizio Campionato… Questi tre giorni saranno fondamentali per ribadire le linee guida impartite ad inizio Stagione”. Tra gli argomenti trattati la valutazione dei falli, la collaborazione tra arbitri ed assistenti, il fuorigioco e molto altro ancora.
Nel tardo pomeriggio, ad integrare i lavori, vi è stata la visita del Responsabile del Settore Tecnico Alfredo Trentalange e del suo team, giunti a Tivoli per preparare al meglio il loro raduno in programma da sabato a domenica, i quali hanno portato un saluto ai presenti.
Nella serata gli arbitri hanno proseguito i lavori in aula, effettuando i test tecnici con i quiz somministrati dal Settore Tecnico.
Nella mattinata di venerdì, dopo le visite mediche, lavoro separato per arbitri ed assistenti, con i primi riunitisi sul vicino campo sportivo di Villanova di Guidonia per l’effettuazione dei test atletici.
Sotto l’attento controllo dello staff atletico guidato dal Prof. Rocchetti Gilberto e composto da Rocchetti Oreste, Di Musciano Antonio e Petrella Stefano e dello staff medico guidato dalla Dott.ssa Maglietta Antonella e composto dai fisioterapisti Maria Teresa Maggiore, Patrizia Passini e Alessio Rossi, e la supervisione di Danilo Giannoccaro e del Componente Maurizio Ciampi sono stati effettuati i 40 metri e lo Yo-Yo test. Al cambio turno, ossia all’arrivo al campo degli assistenti arbitrali, che fino a quel momento erano stati impegnati in aula con i Componenti Renato Faverani e Paolo Calcagno, gli arbitri hanno fatto rientro in hotel per continuare il lavoro di visualizzazione e studio dei filmati iniziato il giorno precedente.
Gli assistenti oltre ad effettuare il 5 x 30 metri e i 10-8-8-10 metri sotto il controllo di Faverani, a turno hanno assistito ad una lezione tecnica sul campo tenuta da Calcagno ed incentrata sul goal/no goal.
Al pomeriggio lavoro in aula per tutti, suddiviso in una prima fase dedicata alla visione dei filmati condivisa tra arbitri ed assistenti e con i numerosi interventi della Commissione, e poi una seconda fase distinta in cui gli arbitri e gli assistenti, in aule differenti, hanno effettuato una riunione incentrata sempre sulla visione di filmati, i primi con Giannoccaro e Ciampi, ed i secondi con Faverani e Calcagno.
Dopo cena gli assistenti si sono ritrovati in aula con la Commissione ed il Settore Tecnico e dopo aver effettuato i classici quiz tecnici, hanno sperimentato sotto la guida di Alfredo Trentalange i nuovi video quiz.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente