Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Arrivano 38 nuovi direttori di gara

Niccolò Selleri - 24/01/2018, 10:00

Sezione di Bologna
Non sarà un giorno che dimenticheranno facilmente i 38 nuovi direttori di gara che hanno da poco superato brillantemente l’esame a conclusione del corso arbitri. Il grande giorno è arrivato al termine di un percorso durato oltre due mesi durante i quali i ragazzi hanno avuto modo di avvicinarsi al mondo arbitrale
La commissione d’esame, formata dal componente del Comitato Regionale Arbitri Emilia-Romagna Johannes Donati della Sezione di Ravenna, dal componente del Settore Tecnico Arbitrale Michele Gallo, dal Presidente di Sezione Antonio Aureliano e dal responsabile degli Osservatori Arbitrali dell’Organo Tecnico Sezionale Luigi Ferrieri, ha inizialmente sottoposto i candidati ai quiz regolamentari, successivamente è stata le volta delle prove orali.
Il corso è stato tenuto da due “insegnanti” d’eccezione: Alessandro Prontera, consigliere della Sezione ormai da diversi anni e arbitro in Lega Pro; Raffaele Covili, anch'esso consigliere con un passato alla Commissione Arbitri Interregionale come arbitro. Potendo contare su questa esperienza le lezioni del corso sono risultate piacevoli e assai proficue, un giusto mix tra teoria e il ricordo di aneddoti vissuti durante i rispettivi percorsi arbitrali.
“Sono ragazzi giovani con tanta passione – ha commentato soddisfatto il Presidente Aureliano al termine della seduta d’esame. - Nel loro percorso dovranno imparare ad essere ancor prima uomini che arbitri: sarà importante e decisivo il fattore mentale per permettere loro di compiere la scalata”. La giovane età dei neo arbitri, compresa tra i 15 ed i 20 anni, fa ben sperare sul futuro dell’organico sezionale. Al termine delle prove la serata è proseguita con un momento conviviale, rivelatore dell’aspetto più importante dell’arbitraggio, quello umano. In conclusione il Presidente Aureliano, nel dare il benvenuto ai nuovi arbitri nella grande famiglia associativa, ha ricordanto loro il primo obiettivo che dovranno raggiungere (e mai smarrire): il divertimento!

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente