Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Riunione Tecnica con l'arbitro CAN B Francesco Forneau

Anna Vitiello - 07/02/2018, 13:00

Sezione di Genova
Nel corso della scorsa settimana è stato gradito ospite della Sezione di Genova l’arbitro della CAN B Francesco Forneau di Roma 1. L’ospite, selezionato a settembre dall’AIA, ha tenuto la riunione con gli arbitri effettivi appartenenti all’Organo Tecnico Sezionale, che erano davvero entusiasti di poter attingere ogni tipo di informazione dall’illustre ospite. Bellissima la cornice offerta dalla sala Chiappone in Genova gremita in ogni ordine di posto e con associati collocati anche in piedi per tutta la durata della riunione.
Francesco ha risposto alle tante domande che i giovani colleghi gli hanno posto, catturando subito l’attenzione dell’intera sala. La riunione è poi proseguita con una serie di filmati che l’ospite nazionale ha fatto vedere . “Ragazzi vorrei farvi vedere una serie di particolari che magari non risaltano agli occhi, ma che fanno la differenza in una prestazione. A questo livello voi siete in una totale fase di formazione e crescita che parte inizialmente dalla cura degli aspetti più evidenti senza entrare nei dettagli, come è giusto che sia. Ma più si va avanti e più si entra nel merito della prestazione e la distinzione tra un arbitro e l’altro la fa la cura meticolosa dei piccoli particolari”.
I ragazzi hanno capito il messaggio trasmesso da Francesco quando interpellati non sono riusciti a trovare sempre la risposta alla domanda di trovare il particolare nelle immagini. Davvero molto soddisfatto il Presidente Roberto Romeo: ” Ringrazio tantissimo Francesco Forneau per la sua disponibilità e per la bella riunione che ha tenuto. Ho visto i nostri ragazzi incollati alle sedie e con occhi e mente rivolti alle sue parole come non mi capitava da un po’ di tempo. Le immagini che ha portato sono servite davvero a tutti noi per renderci conto di quanto sia meticoloso il lavoro di preparazione alla gara e quanto serva davvero curare ogni dettaglio per crescere ed ambire ad andare avanti”.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente