Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Celebrato il Quarantennale con il Vice Presidente dell’AIA

Giovanni Aruta - 17/02/2018, 08:00

Sezione di Sala Consilina
Nell’incantevole scenario della monumentale Certosa di San Lorenzo, a Padula, la Sezione di Sala Consilina ha celebrato il Quarantesimo anniversario della fondazione, che risale al 4 febbraio 1978. La festa ha avuto il momento clou con la seconda edizione del convegno “Arbitro scuola di vita”, coordinato dall’assistente arbitrale di Serie B Manuel Robilotta.
Nel saluto introduttivo il Presidente Gianpiero Cafaro, dopo aver rivolto parole di ringraziamento al primo Presidente Antonio Parella, ha ripercosso la storia della Sezione e presentato il volume che la contiene.
A fare gli onori di casa l’Assessora comunale Filomena Chiappardo, che ha ringraziato gli arbitri per aver scelto Padula come location per questo importante anniversario, assicurando che il “memorandum” verrà inserito nei testi presenti nella biblioteca comunale a ricordo della storica giornata.
E’ seguito l’intervento del Sindaco di Sala Consilina Francesco Cavallone, ringraziato dalla dirigenza arbitrale per la sede sezionale attuale, allocata nel palazzetto comunale dello sport.
Presenti anche Antonio De Luca, Vescovo della Diocesi di Teggiano - Policastro; la responsabile del Centro “Iris Oasi Felice” Maria Antonia Caputo; il Sindaco di Montesano sulla Marcellana, Giuseppe Rinaldi. Per la componente arbitrale hanno partecipato l’internazionale Marco Guida; l’assistente di Serie A Ciro Carbone; i Presidenti delle Sezioni campane, gli associati di Sala Consilina e gli associati che hanno mosso i primi passi a Sala per poi trasferirsi, come Giuseppe Esposito, oggi Presidente della Sezione di Sesto San Giovanni, e Ciro Camerota, ora associato ad Arezzo.
Il Presidente del Comitato Regionale della Campania, Virginio Quartuccio, si è detto molto soddisfatto nel partecipare a questa giornata di festa, che inserisce la sezione valdianese a pieno titolo nella secolare storia dell’AIA. In conclusione si è detto certo che la sua storia proseguirà con i tanti giovani che ne fanno parte.
Alla serata ha partecipato anche il Presidente della FIGC Campania Salvatore Gagliano, che ha ricordato il suo passato da arbitro, esprimendo anche per questo la sua vicinanza alla categoria.
A ruota, prima dell’intervento del Vice Presidente dell’AIA Narciso Pisacreta, è intervenuto l’arbitro salese di Lega PRO Ivan Robilotta e la Componente CRA Giuliana Guarino.
«Quaranta anni è un traguardo importante e vuol dire – ha detto invece Pisacreta - che ci sono ragazzi che vogliono fare sport e divertirsi. E nell’AIA incontrano una seconda famiglia, la sezione, dove insegnano le regole e a farle rispettare sul terreno di gioco. Sala Consilina è una sezione da Serie A, non solo perché il nome è stato scandito in uno stadio della massima serie, ma per le tante iniziative che questo pomeriggio sono state illustrate. Sala Consilina, coi i suoi sei associati che fanno parte dei quadri nazionali, è la dimostrazione che se il valore c’è, emerge, anche in piccole sezioni di periferia».
Prima di concludere i lavori il presidente sezionale Gianpiero Cafaro ha ringraziato tutti i suoi associati per il lavoro svolto e per aver contribuito a far diventare la Sezione un punto di riferimento per tanti giovani del territorio. Ha così premiato il Presidente onorario Antonio Parrella, il fondatore, che con la voce rotta dall’emozione ha ricordato i suoi primi passi nella categoria arbitrale ed ha concluso dicendo: «Sono 55 anni che indosso questa casacca e solo se mi cacciate me ne vado, altrimenti sarò sempre di questa meravigliosa famiglia».
La serata si è conclusa con la consegna di una targa ricordo degli associati di Sala Consilina al Presidente Cafaro per ringraziarlo del lavoro svolto in questi primi 6 anni di guida sezionale. E’ seguito il classico convivio serale e il taglio della torta celebrativa dell’evento.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente