Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Il paragone “arbitro – artista” di Di Martino della CAN B

Isabella Mastroippolito - 20/02/2018, 08:00

Sezione di Chieti
Serata speciale quella vissuta dalla Sezione di Chieti lo scorso 7 febbraio, in occasione della riunione tecnica che ha avuto come ospite e relatore l’arbitro di Serie B Antonio Di Martino, della Sezione di Teramo.
In una sala che ha visto presenti un gran numero di associati, giovani e meno giovani, il Presidente Gianluca Rutolo ha avuto il piacere di presentare l’ospite, ricordando le tappe della sua brillante carriera e i tanti momenti di condivisione tecnica ed associativa da lui avuti con la Sezione di Chieti.
Terminati i saluti di rito, si è entrati subito nel vivo di una lezione molto particolare e suggestiva, nella quale Antonio ha messo a paragone la figura dell’arbitro con quella dell’artista, associando alcune celebri opere d’arte agli obiettivi che l’arbitro deve raggiungere durante una partita; conoscenza del regolamento e preparazione atletica sono sicuramente le basi da cui partire, ma “la testa” è l’elemento che può fare la differenza: passione, sacrificio, dedizione, studio e condivisione delle esperienze sono caratteristiche che possono farci rendere bella la nostra “opera d’arte”, ossia tendendo il più possibile verso il concetto di “perfezione tecnica”.
Tutto questo ha coinvolto in maniera notevole gli associati intervenuti che, grazie all’abilità comunicativa di Antonio, hanno avuto la voglia di interagire e cimentarsi nei paragoni arbitro - artista, il tutto contorniato da una serie di video in cui il relatore ha mostrato le varie situazioni di gioco in cui la sua “opera d’arte” era venuta bene e meno bene.
Importante la chiusura motivazionale in cui ha spronato i ragazzi a perseguire i propri obiettivi ricordando che “Quando c’è una meta, anche il deserto diventa strada”.
Nei saluti finali il Presidente Rutolo ha ringraziato l’ospite per il grosso contributo tecnico e morale fornito ai colleghi teatini e lo ha omaggiato, fra le altre cose, della maglia di Tino, la mascotte della Sezione di Chieti.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente