Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Analisi su fuorigioco, dogso e spa: "Fondamentale uniformità"

02/03/2018, 11:00

Sezione di Mestre
Non è facile riuscire a calamitare l’attenzione di più di cento associati, ma eccezionali capacità dialettiche, argomentazioni puntuali e supporti video di primo livello hanno colpito nel segno: è così che Gianluca Baciga, Componente del Settore Tecnico della Sezione di Verona (perché “Bisogna sempre ricordare la propria Sezione” ripete il Presidente sezionale Giancarlo Muriotto), è riuscito a conquistare ancora una volta gli arbitri della Sezione di Mestre. Una riunione tecnica dai contenuti molto formativi: un’analisi condotta a tutto tondo sugli aspetti fondamentali che un arbitro deve saper gestire e tenere sotto controllo durante una gara. “Questa sera viene a trovarci un amico” ha detto il Presidente sezionale Giancarlo Muriotto in apertura “Ma soprattutto un grande conoscitore del Regolamento e un formatore capace”. Spazio dunque non ai video-quiz né ad una lezione didattica, ma ad un dialogo coinvolgente ed appassionante: ritmo incalzante e concetti ben definiti.
“Arbitrare è un insieme di cose semplici, unite dalla conoscenza regolamentare e dall’esperienza” ha detto Gianluca Baciga ai fischietti mestrini: “Ricordatevi che lo studio del Regolamento è alla base di una prestazione di livello” ha aggiunto. Analizzati quindi casi di SPA e DOGSO “Dovete sempre essere pronti all’evento per non lasciarvi sorprendere” ha consigliato ai presenti il Componente del Settore Tecnico tra un intervento ed un altro. “Lo scopo di visionare insieme molti filmati è quello di uniformare il nostro giudizio – ha spiegato Baciga – Nessuno pretende di modificare le vostre idee, ma l’intento è di farvi capire qual è la valutazione corretta secondo il Regolamento” ha precisato Gianluca spiegando che alcune situazioni border-line devono essere gestite con equità.
Non solo falli e scorrettezze, ma analizzati anche svariati casi di fuorigioco: all’arbitro il compito di essere sempre vigile con la consapevolezza di dover decidere sulla base di quanto definito dalla Regola 11.
Il confronto tra gli associati mestrini è stato moderato con maestria da Gianluca Baciga che ha saputo condurre tutte le spiegazioni con concetti semplici e parole chiare: “L’arbitraggio si basa su poche semplici Regole: all’arbitro il compito di applicarle con serietà e precisione” ha detto il Componente del Settore Tecnico. Il grande entusiasmo dei fischietti mestrini è stato ben riassunto dal Presidente sezionale Giancarlo Muriotto che, al termine della serata, ha voluto ringraziare l’ospite a nome della Sezione per aver fatto vivere a tutti una riunione molto formativa ed appassionante.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente