Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Tutti i nazionali veneti ospiti delle 18 Sezioni

Filippo Faggian - 09/06/2018, 09:30

CRA Veneto
“Gli arbitri nazionali veneti devono essere d’esempio per tutto il movimento regionale”: con queste parole il Presidente regionale Dino Tommasi aveva introdotto l’iniziativa in principio di stagione di far tenere agli arbitri delle varie CAN delle riunioni nel territorio. “Designati” come se fosse una vera e propria gara, tutti i nazionali veneti hanno incontrato le 18 Sezioni ospitati all’interno delle riunioni tecniche: presenti ed invitati ad esporre la propria esperienza alle varie platee non solo quindi gli arbitri di vertice! L’obiettivo? Stimolare e sollecitare gli Associati attraverso racconti ed aneddoti provenienti dai vari livelli di arbitraggio nazionale: dalla CAI alla Serie A.
Un progetto fortemente voluto dal Presidente regionale Dino Tommasi, sostenuto da tutto il CRA Veneto ed accolto con entusiasmo dai 18 Presidenti sezionali: entusiasmo che si è registrato anche nel corso delle riunioni tecniche perché assistere all’esposizione di un arbitro della CAN D o Interregionale ha saputo regalare sfumature interessanti ed accattivanti. “E’ una doppia sfida” ha spiegato il Presidente regionale Dino Tommasi “Da un lato un giovane che è chiamato a mettersi in gioco e dall’altro una platea ampia che deve saper accogliere suggerimenti e consigli attraverso le esperienze più disparate”. Porte delle Sezioni apertissime ad ospitare arbitri di tutti i livelli appartenenti a Sezioni limitrofe, ma comunque venete.
“Si è registrato un grandissimo spirito di ospitalità e accoglienza” ha detto Dino Tommasi “Questo è il segno che ci fa capire che non importa il livello arbitrale raggiunto, ma conta davvero molto il senso di appartenenza ad un’Associazione che sa regalare emozioni”. Da un lato quindi la crescita sicuramente tecnica, ma dall’altro anche l’aumento di uno spirito regionale ancor più forte e solido: “Per un arbitro giovane è importante sentirsi responsabile di una platea di ‘sconosciuti’ pronti ad ascoltare la propria lezione e il proprio punto di vista sul mondo dell’arbitraggio” ha detto Dino Tommasi.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente