Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Pronti ai blocchi di partenza

Vincenzo Serra - 05/09/2018, 15:00

CRA Sardegna
"Non è mai troppo tardi per cancellare i propri rimorsi". È il messaggio che il Presidente del Comitato Regionale Arbitri, Francesco Cabboi, ha più volte ribadito alla platea di giovani arbitri e assistenti di Eccellenza, Promozione e Prima Categoria durante il Raduno Regionale che apre ufficialmente la Stagione. Non solo tempo dedicato a verifiche atletiche, aggiornamento e didattica sul regolamento ma anche un'occasione per riflettere, crescere e migliorarsi, prima come persone e poi come arbitri.

In avvio di lavori, un pallone lanciato da Cabboi in platea è il simbolo che il Presidente ha scelto per invitare i suoi associati a cogliere le opportunità che l'arbitraggio e la vita di tutti i giorni offrono. "I limiti si possono superare, i traguardi si conquistano con impegno e sacrificio: dipende da voi. Non abbiate timore di ripartire e rimettervi in discussione", raccomanda Cabboi, in un inevitabile parallelismo tra sport e vita. Il pallone è poi passato tra le mani dei Componenti della squadra del CRA , del Componete del Comitato Nazionale dell'AIA, Alberto Zaroli, e infine ai Componenti del Settore Tecnico incaricati di esporre le modifiche regolamentari: Katia Senesi, Antonio Di Paola e Domenico Picca. Ognuno di loro, nel proprio intervento, ha motivato i ragazzi.

"Voi siete gli arbitri delle massime Categorie regionali, in campo rappresentate voi stessi e la regione intera - Zaroli ha salutato così la giovane platea - Sfruttate questo raduno per fugare ogni dubbio, dopodiché godetevi il viaggio e guardate il paesaggio fuori dal finestrino; arbitrare è un divertimento, la vita è altro".

Accolto dalla platea con un affettuoso applauso, l'arbitro Claudio Deiana ha voluto incontrare i suoi amici e colleghi per ricordare che "Nulla dev'essere dato per scontato, nemmeno poter fare una corsetta. Un giorno mi è stato detto che avevo la leucemia acuta. Io non ho mollato e ora sto ricostruendo la mia vita, ho ripreso a correre. Non mollate!". Dopo il saluto, Claudio ha donato ad ognuno dei presenti un braccialetto in cui appare scritto il suo motto: 'never give up'.
La prima giornata di Raduno si è conclusa con i colloqui del CRA con gli arbitri, ai quali son state mostrate le risultanze statistiche della scorsa Stagione, riflettenti il loro andamento sia per macroaree che per singolo aspetto oggetto di valutazione da parte degli osservatori.
Raccomandazioni, emozioni, risate ma anche tanta didattica: approfondimenti sull'approccio alla gara, sulla lettura del fallo di mano, SPA e DOGSO.

La presentazione della Circolare n.1 ha coinvolto la platea in un costruttivo dibattito tecnico, particolarmente approfondito per la parte che riguarda le modifiche alla Regola 12 inerenti la sanzione disciplinare attribuibile alle varie infrazioni per cui si applichi il vantaggio. Sia il Settore Tecnico sia la squadra del CRA hanno utilizzato tanti video utili per chiarire le varie casistiche. Gli assistenti, per l'occasione, hanno anche potuto sfruttare la disponibilità e i consigli dell'assistente CAN B, Gianluca Sechi, che per tutta la giornata ha seguito i lavori sul campo e in aula.

La mattina del secondo giorno, osservatori e arbitri, dopo aver lavorato in assemblea congiunta, hanno accolto gli ospiti: Gianni Cadoni, Presidente della LND Sardegna, e Angelo Agus, Presidente dell'Associazione Allenatori Sardi. Entrambi hanno mostrato grande apprezzamento per il lavoro svolto dal team capitanato da Francesco Cabboi e si son detti disponibili per proseguire il solido rapporto di collaborazione instaurato tra le diverse parti complementari dello stesso sport.

Prima del pranzo conviviale, il Presidente Cabboi ha invitato la platea ad osservare un minuto di raccoglimento in memoria del giovane arbitro, Giordano Aresu, recentemente scomparso; "Attendeva con ansia di partecipare a questo che sarebbe stato il suo primo Raduno Regionale", ha aggiunto Cabboi.

Il Componente CRA, Mauro Ariu, ha esposto agli osservatori la nuova modulistica che dovranno utilizzare per redigere la relazione sulla prestazione dell'arbitro. Cabboi ha esortato i formatori affinché non siano "coloro che rompono il bozzolo e fanno uscire la falena prima che sia formata e abbastanza forte per sopravvivere".

Il terzo giorno,la domenica, si è svolto il Raduno Regionale degli arbitri di Prima Categoria che, adeguato su misura, ha ricalcato le orme lasciate dai colleghi più esperti.
Il video racconto del Raduno è visibile al seguente indirizzo https://youtu.be/U9ggb8cQt4g .

In anteprima: arbitri di Prima Categoria durante i test atletici. In gallery: arbitri di Eccellenza e Promozione impegnati sul campo; Cabboi presenta Katia Senesi; Alberto Zaroli, Antonio Di Paola e Domenico Picca; la platea di arbitri e assistenti di Eccellenza e Promozione; gli assistenti durante i lavori specifici in aula; Gianni Cadoni, Francesco Cabboi, Alberto Zaroli e Angelo Agus; Arbitri di Eccellenza a colloquio con il CRA.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente