Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

A Castellammare di Stabia il raduno Top Class della CAN 5

Giovanni Aruta - 12/12/2013, 21:28

Si è aperta oggi a Castellammare di Stabia una tre giorni di lavoro intenso per gli arbitri Top Class della CAN 5. Radunati in Campania presso l'hotel La Medusa, sotto la guida del commissario Massimo Cumbo, i 54 migliori arbitri nazionali saranno impegnati fino a sabato.
Un briefing d'apertura ha visto il saluto di benvenuto di tutta la commissione della Can 5, e poi il saluto del vice presidente regionale degli arbitri campani Oreste Alfano e del vice commissario Marcello Toscano. Il responsabile Massimo Cumbo con gran entusiasmo ha dato il meglio, ha caricato i suoi ragazzi per spronarli a dare sempre di più in questa bellissima disciplina del calcio a 5. Nel pomeriggio gli arbitri si sono recati a Pompei per visitare il Santuario. Una guida ha piegato tutta la storia del Santuario, poi i fischietti della Can 5 e tutta la commissione hanno partecipato con grande raccoglimento alla Santa Messa. "Sono momenti importanti- dice il responsabile del calcio a 5 nazionale Massimo Cumbo- lo stare assieme ci aiuta a farci capire ed a crescere per fare sempre bene. Sono fiero di questi ragazzi, sono eccezionali. Credo che possono migliorare sempre". Poi ci è stato anche la visita della cappella di Bartolo Longo dove è intervenuto anche il Vescovo di Pompei Tommaso Caputo che ha elogiato il gruppo dirigente dell'Aia per i tanti giovani che ci sono. "C'è una bella gioventù e vi chiedo di continuare su questa strada per dare quella formazione necessaria che serve pure nella vita di tutti i giorni. Gli arbitri sono sempre sottoposti a grossi stress - ha affermato il Vescovo - sappiate sempre essere propositivi e far rispettare le regole.
Di ritorno da Pompei il raduno è entrato nel vivo con una riunione prettamente tecnica. All'analisi di alcuni episodi estrapolati dalle gare del campionato di calcio a 5 di serie A e poi analisi e approfondimenti sui vari aspetti tecnico-regolamentari e di ribadire le disposizioni di inizio stagione.
La serata è proseguita, quindi, con un bel momento conviviale a cui hanno partecipato anche gli arbitri di Calcio a 5 del Comitato Regionale Campania, ottima opportunità per confrontarsi con i colleghi più esperti, scambiarsi impressioni e trasferire esperienze. Atto conclusivo della prima giornata di raduno è stata la riunione tecnica a cui hanno preso parte anche i componenti del comitato regionale campania. Il presidente Virginio Quartuccio e i responsabili del Calcio a 5, Mario Rossi e Giovanni Belcuore, hanno salutato gli arbitri Top Class. C'era anche il presidente della sezione arbitrale di Castellammare di Stabia Costantino Cavaliere. "Grazie di aver dato alla campania questa opportunità- dice Virginio Quartuccio. In campania il Futsal si è molto sviluppato, ci sono ogni settimana incontri di cartello. C'è passione entusiasmo e noi dobbiamo dare tutta la nostra esperienza a questi ragazzi". Poi, a tarda sera, l'attenzione si è spostata poi sul l'aspetto tecnico coinvolgendo tutti nel confronto sull'interpretazione delle regole del Futsal e sulle linee guida per gli arbitri, grazie anche all'ausilio di video tratti da gare della massima serie nazionale. Le tematiche affrontate sono andate dai fallì che impediscono la realizzazione di una rete alla simulazione, dal gioco del portiere alle condotte violente e alla condotta sleale.
In programma nella giornata di venerdì: test atletici allo stadio comunale di Scafati e ulteriori approfondimenti tecnici e disciplinari.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente