Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

A Coverciano l'incontro tra arbitri, dirigenti, tecnici e capitani di Serie B

Saverio Romano - 19/03/2014, 07:56

Nel Centro Tecnico Federale di Coverciano si è tenuto il secondo incontro della stagione sportiva, fra gli arbitri e l’intero mondo calcistico della Serie B. Erano presenti tutte le società cadette con dirigenti e capitani, a dimostrazione della sensibilità, del rispetto, del desiderio di costante collaborazione e soprattutto della fiducia che i 22 club nutrono nei confronti della classe arbitrale. All’evento hanno preso parte il Presidente della Federazione Italiana Giuoco Calcio Giancarlo Abete, il Presidente dell’Associazione Italiana Arbitri Marcello Nicchi, il Presidente della Lega di Serie B Andrea Abodi, il responsabile della Commissione Arbitri Nazionale Serie B Domenico Messina con i due vice Marco Ivaldi ed Emidio Moranti unitamente all’organico dei 27 direttori di gara e il responsabile del Settore Tecnico AIA Alfredo Trentalange .
Dopo i saluti del presidente Abete che non ha mancato di ringraziare sia l’AIA che la Lega di Serie B per l’ottimo lavoro svolto ad oggi, ha sottolineato l’importanza del costante dialogo e la necessità del confronto tra la classe arbitrale e le componenti dei club.
La parola è passata al presidente Abodi che tra l’altro ha detto: ”Quello di oggi non è un appuntamento per giudicare l’operato degli arbitri, ma per responsabilizzarci in vista di questa fase finale del campionato, mancano ancora 14 giornate alla fine, nella necessità di offrire davanti al proprio pubblico uno spettacolo affascinante, sportivo e soprattutto, decoroso negli atteggiamenti” e ancora: ”Il rispetto nei confronti della classe arbitrale deve essere un aspetto prioritario”.
A seguire il presidente Nicchi che, dopo i saluti di rito, si è soffermato sull’aspetto disciplinare dei calciatori, in particolare delle proteste, ricordando a tutti che in Serie B sia i calciatori che gli arbitri sono in crescita.
Subito dopo ha preso la parola il designatore Messina, che ha ringraziato i presenti per essere intervenuti e sottolineando l’interesse che ora viene dato a questi incontri rispetto al passato in cui venivano snobbati. Dopo di che è passato alla proiezione delle statistiche dei falli, delle ammonizioni, delle espulsioni e dei rigori. Al termine dell’incontro si è sviluppato un proficuo dibattito, al quale hanno interagito tutte le componenti.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente