Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Concluso a Coverciano il raduno play off-out della CAN D

Saverio Romano - 08/05/2014, 08:37

Si è concluso lo stage di preparazione, riservato al ristretto gruppo d'elite dei trenta arbitri e sessanta assistenti in organico alla Commissione Arbitri Nazionale Dilettanti, che da domenica prossima si apprestano a dirigere i play off e i play out. Questa successiva e importante fase del campionato permette alla Commissione, presieduta da Carlo Pacifici, una ulteriore e definitiva selezione tra le terne arbitrali, infatti solo venti su trenta arbitri e trenta su sessanta assistenti godranno della promozione tra i Professionisti della CAN PRO. I lavori del secondo giorno si sono svolti inizialmente nella sala conferenze dello storico Museo del Calcio Italiano di Coverciano, dove i novanta promettenti giovani divisi in due gruppi alternati hanno sostenuto brillantemente la prova tecnica-associativa dei quiz, sotto l'attento controllo di Guido Falca, vice-responsabile del Settore Tecnico della Associazione Italiana Arbitri. Successivamente, i lavori si sono spostati sul terreno di gioco, per un'intensa e proficua seduta di allenamento elaborata dal dott. Carlo Castagna (Metodologo dell'allenamento AIA, Responsabile Preparazione Atletica CAN A-B, FIFA Referees Fitness Instructor, F-MARC) che ha utilizzato i moduli di allenamento in uso agli arbitri della FIFA. Al termine della seduta atletica, nuovamente in aula per commentare la visione di alcuni filmati di gare dirette da alcuni dei presenti, su casi di fuorigioco, di calci di rigore, di sostituzioni dei calciatori, sul comportamentale, sul disciplinare e su casi di mass confrontation. Carlo Pacifici, manifestando una certa emozione, ha concluso il raduno dicendo: "Le partite difficili vanno affrontate con la giusta concentrazione. Grazie a voi tutti, grazie per le vostre prestazioni che ci hanno permesso un campionato lineare e senza nessuna problematica. Vi faccio un grande in bocca al lupo e vi dico umilmente grazie e...ancora avanti. Non vi dimenticate che più andrete avanti e più la pressione aumenterà". Dopo pranzo, i saluti e la "classica" foto ricordo davanti all'ingresso del tempio del Calcio italiano.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente