Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

A Roma il raduno play-off per gli arbitri e osservatori della CAI

Teodoro Iacopino - 16/05/2014, 23:31

Un'intensa giornata di lavoro ha caratterizzato la prima giornata del raduno play-off della CAI che si svolge a Roma, dove i 64 arbitri e 20 osservatori convocati hanno dato prova di coesione e preparazione in vista della fine della stagione. Nella mattinata, mentre gli osservatori iniziavano i lavori in aula, gli arbitri sotto lo sguardo attento del Commissario Danilo Giannoccaro, svolgevano i test atletici dimostrando un'ottima preparazione atletica. Preparazione che si è dimostrata altrettanto valida anche nell'esecuzione dei test tecnici. Nel primo pomeriggio ha raggiunto la sede del raduno il Vice Presidente dell'AIA Narciso Pisacreta, che dinnanzi alla platea congiunta arbitri-osservatori, ha ringraziato l'intera Commissione della CAI per il lavoro svolto fin ora, sottolineando l'importanza di questo Organo Tecnico:"Voi siete l'eccellenza delle regioni. La CAI è come un setaccio. Ha la funzione di selezionare i migliori arbitri e osservatori che domani opereranno nei campionati nazionali". Questo un inciso dell’intervento appassionato del Vice Presidente dell’AIA che ha dato lo spunto al Commissario Giannoccaro di analizzare, con l'ausilio di slide, alcuni dati significativi dell'andamento complessivo della stagione che è stata sicuramente impegnativa e complessa. "Per tutto l’arco della stagione - ha detto il Commissario CAI- avete dimostrato continuità, impegno e nella cura dei particolari come questa Commissione vi ha sempre richiesto dal raduno di inizio stagione a Sportilia. Ma il lavoro non è ancora concluso. Ora dovete fare l'ultimo sprint, quello decisivo per andare in CAN D".
Nella serata, dopo cena, hanno raggiunto la sede del raduno il Responsabile del Settore Tecnico Alfredo Trentalange, insieme ai vice responsabili Guido Falca, Vincenzo Fiorenza e Francesco Milardi, il coordinatore Marcello Marcato e il responsabile del modulo perfezionamento tecnico Luca Gaggero che hanno seguito attentamente la parte conclusiva della giornata di lavoro.
Nel suo intervento, Alfredo Trentalange ha voluto ricordare l'interazione continua che durante la stagione il Settore Tecnico ha avuto con la CAI. "Ricordatevi che voi siete il Settore Tecnico. Non perdiamo l'occasione di parlare tutti la stessa lingua".
Prima di concludere la serata sono stati analizzati alcuni filmati che hanno dato spunto ad interazione tra i partecipanti.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente