Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

CAN A, Messina: “Condivisione, rispetto, lavoro e passione”

CL - 28/07/2014, 18:30

“Siamo una squadra, come le altre 20 che in questi giorni sono in ritiro, e come tale penseremo e agiremo. Come una squadra”. Domenico Messina, da questa stagione Responsabile della CAN A, apre così il raduno pre-campionato di un gruppo entrato nell’elite mondiale. Un tributo ed un saluto, la “squadra”, lo ha riservato alla terna che ha diretto la finale del Campionato del Mondo, ed assieme a loro a Sergio Gonella e Pierluigi Collina, le prime due “stelle” italiane ad aver raggiunto il prestigioso traguardo.
“Sono doppiamente emozionato – ha detto Messina, presentando i suoi Vice Livio Bazzoli, Marco Ivaldi ed Emidio Morganti – in primo luogo per la responsabilità che il Presidente Nicchi e l’intero Comitato Nazionale hanno ritenuto di affidarmi e poi perché giusto vent’anni fa mettevo piede alla CAN da arbitro, oggi ci torno a capo della Commissione”.
A Sportilia, tradizionale sede dei raduni pre-campionato dell’AIA, arbitri e assistenti sono arrivati in tarda mattinata per essere sottoposti alle consuete visite mediche d’ingresso, poi nel pomeriggio l’apertura ufficiale del raduno, dove sono arrivati i saluti dell’ex Responsabile Stefano Braschi, e la prima sessione d’allenamento per arbitri e assistenti. In serata, invece, il Settore Tecnico illustrerà la Circolare n. 1 e, con l’apporto di Nicola Rizzoli, gli arbitri inizieranno a prendere confidenza con l’utilizzo dello spray in campo.
Durante la settimana di permanenza, il gruppo lascerà Sportilia venerdì 1 agosto, ci sarà il tempo per analizzare nel dettaglio gli episodi che hanno segnato la stagione appena conclusa, soffermandosi in particolar modo su falli di mano, condotta gravemente sleale, mass confrontation e fuori giuoco. “Su ogni cosa – ha detto Messina – ci daremo un obiettivo chiaro da raggiungere”.
Il raduno della CAN A sarà seguito dai Componenti del Settore Tecnico Arbitrale, nell'ottica di favorire l'uniformità formativa e tecnica a tutti i livelli. A Sportilia, in questi giorni, ci sono il Responsabile del S.T. Alfredo Trentalange ed i suoi Vice Vincenzo Fiorenza e Francesco Milardi.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente