Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

CAN PRO, Rosetti: “Mantenere una posizione neutra per garantire terzietà”

AP - 03/08/2014, 17:00

Prosegue a pieno ritmo il raduno di preparazione alla stagione sportiva del gruppo di arbitri ed assistenti della CAN PRO.
Nella mattinata gli arbitri presso il campo “Scirea” del centro tecnico di Sportilia hanno sostenuto una fase di allenamento e poi alcune esercitazioni. Mentre per gli assistenti le prove dei test atletici specifici allo Stadio Gabetto con la prova 10-8-8-10 metri che consiste nell’alternare sprint e corsa laterale in un tempo massimo di 10” e 60 centesimi e la prova sulla capacità di ripetere gli sprint ad alta intensità con breve recupero il 5x30metri.
Sandro Rossomando, che seguirà in particolare gli assistenti arbitrali, ha intrattenuto sul terreno di gioco i “primi anni” in organico al fine di mostrargli la modalità di effettuazione delle segnalazioni con e senza la bandierina, la corretta postura e la collaborazione con l’arbitro nelle diverse situazioni di gioco.
In aula a seguire il responsabile Roberto Rosetti con i vice Nicola Ayroldi, Roberto Bettin, Christian Brighi e Sandro Rossomando si è alternato nell’esplicitazione delle linee guida e procedurali a cui attenersi. “Una squadra – ha detto il designatore - per funzionare ha bisogno di regole. Dobbiamo mantenere una posizione assolutamente neutra per garantire un servizio di terzietà”.
Tutti i partecipanti al seminario sono stai controllati dallo staff medico composto dai dottori Cotroneo, Passalacqua e Maglietta del Settore Tecnico.
Da quest’anno tutti i dati raccolti inerenti il peso, l’altezza e la massa magra sono stati inseriti sul portale Sinfonia4You dell’Associazione Italiana Arbitri insieme a quelli riguardanti il risultato dei quiz tecnici e i tempi nelle prove atletiche, nell’ottica di informatizzare e digitalizzare tutte le informazioni.
Dopo la pausa di metà giornata di nuovo in aula per proseguire con i lavori su collaborazione tra arbitro ed assistenti.
Al termine di ogni giorno di lavoro la Commissione individua degli associati che costituiscono un gruppo di lavoro ricapitolando le indicazioni e preparano per il giorno seguente un promemoria.
Successivamente di nuovo in campo per la seconda seduta di allenamento quotidiano che scandisce i tempi del raduno.
Dopo cena ancora aula per sfruttare al meglio il tempo a disposizione.
La CAN PRO si riunirà di nuovo assieme agli osservatori a fine agosto in un raduno congiunto a Roma.

Nella foto in home page Roberto Rosetti, mentre sopra Sandro Rossomando
Nella gallery sotto:
- Un momento del test 10-8-8-10
- La Commissione in aula
- Arbitri ed assistenti seguono i lavori
- Rossomando fa lezione ai “primi anni”
- Una ragazza durante le prove atletiche
- Assistenti in fase di riscaldamento
- I medici: Passalacqua, Maglietta e Cotroneo

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente