Luigi Stella: "Lavorare per avere Osservatori di qualità"

Sezione di Albenga

Luigi Stella: Lo scorso 16 ottobre la Sezione A.I.A. di Albenga ha ospitato, in qualità di relatore alla Riunione Tecnica, l'Arbitro Benemerito Luigi Stella della sezione di Torino, Componente della Commissione Arbitri Interregionale nonché Coordinatore degli Osservatori Arbitrali presso la stessa.
La riunione, tenuta come di consueto nei locali del seminario vescovile della cittadina ingauna, ha avuto numerosi ospiti, ad iniziare dal Presidente del Comitato Regionale Arbitri Liguria Fabio Vicinanza, peraltro alla prima riunione nella sua Sezione dopo la nomina di questa estate. “Bisogna avere le giuste informazioni per fare bene - ha spiegato Vicinanza introducendo l'ospite – ed è importante, per la nostra crescita, sapere cosa la CAI chieda ad un osservatore”. Oltre a Vicinanza, erano presenti i tre osservatori nazionali della sezione ingauna Giuseppe Tortora (CAN D), Pierluigi Casarini (CAI) e Michele Pellegrini (CAN 5).
“Sono felice di parlare in Liguria, una terra dove torno volentieri - ha detto Stella - è importante capire cosa un osservatore arbitrale debba vedere negli arbitri che è chiamato a visionare; per la loro crescita, infatti, è fondamentale che essi escano dallo spogliatoio con le idee chiare sulla loro prestazione, senza dare loro alibi o contentini; il buonismo non fa il bene di un direttore di gara.”
Negli ultimi anni si è lavorato molto sui metodi di valutazione degli arbitri: è essenziale, però, ricorrere all’uso di tutta la gamma dei voti a disposizione per rendere la graduatoria reale, perché non è una sola gara a determinare il destino di un arbitro e, allo stesso modo, non è un singolo episodio a stabilire in positivo o in negativo una prestazione£
“È necessario lavorare per migliorare la qualità degli osservatori - ha proseguito l’ospite - perché in assenza di osservatori arbitrali di qualità, non potremmo ambire ad avere arbitri di qualità; gli osservatori devono essere liberi, formati adeguatamente e chiari nei loro giudizi”.
Sulle qualità richieste invece agli arbitri, Stella ha detto che a loro è anzitutto richiesto di saper interpretare tecnicamente e disciplinarmente la gara, riuscendo a cogliere la differenza fra arbitrare ed il semplice far applicare le regole, uscendo dalla falsa equazione secondo cui fischiare poco è sinonimo di un arbitraggio efficace. Un buon arbitro non deve risolvere i problemi ma deve essere bravo nel non crearseli.
Inoltre, devono sapere identificare e gestire i giocatori leader delle squadre in campo, non sottraendosi al confronto con essi, ma vincendo lo stesso. Nella stessa ottica è fondamentale saper far riprendere il gioco, non lasciando ai giocatori l'opportunità di dettare i tempi perché questo è uno degli elementi attraverso il quale i calciatori testano il carattere di un arbitro.
“La collaborazione tra arbitro e assistenti arbitrali - ha aggiunto il relatore - è un altro elemento fondamentale: deve essere fattiva, non si devono verificare ingerenze, occorre essere efficaci a partire dal briefing pre gara e seguire con la massima precisione le linee guida indicate a inizio stagione.”
Il Presidente di Sezione Gianluca Panizza, al termine della riunione, ha voluto sottolineare come “Luigi con immediatezza, competenza e semplicità ha tratteggiato e messo in luce i ritratti dell’arbitro moderno, e dell’osservatore arbitrale capace e costruttivo. Iniziative di questo tipo, non possono che accrescere il bagaglio tecnico e comportamentale soprattutto dei colleghi più giovani”.

Nella fotografia principale Luigi Stella insieme al consiglio direttivo di Albenga. Nelle altre foto alcuni momenti della riunione.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)
I nostri sponsor

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri