Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Danilo Giannoccaro: "Il gruppo è la forza della CAN PRO"

Fabio Gafforini - 05/10/2018, 22:00

Si è concluso il raduno per gli arbitri della CAN PRO tenutosi all'Hotel Touring Coccaglio dal 3 al 5 Ottobre. Uno stage di perfezionamento che ha portato gli arbitri in Lombardia per valutare l'inizio di stagione con il Responsabile Danilo Giannoccaro e i componenti Paolo Calcagno, Maurizio Ciampi, Antonio Damato e Renato Faverani.
L'organizzazione del raduno è stata demandata alla segreteria della CAN PRO, sempre presente nei tre giorni a Coccaglio nelle persone di Enrico Ciuffa, Giuseppe Antonaglia e Marco Ravaglioli.
La terza giornata, quella di venerdì, si è aperta con un allenamento mattutino sul campo: Giuseppe Garavaglia del Modulo Preparazione ha impostato, dopo l'allenamento con sforzo massimale del giovedì, una seduta di scarico. Le cure degli atleti della CAN PRO sono state affidate ai fisioterapisti Davide Pagliarulo e Maria Teresa Migliore.
A seguire, l'ultima lezione tecnica, che ha portato alla visione degli episodi della terza giornata del Campionato di Serie C. Il lavoro messo in atto dalla Commissione, in continuo confronto sui filmati con gli arbitri, è stato quello di capire quali siano i ragionamenti messi in atto prima di prendere una decisione, soprattutto quando questi vengono fatti in pochissimi istanti, pochi secondi, e spesso si crede che invece tutto sia demandato all'istinto.
"Io penso alla CAN PRO come a un gruppo, fatto da tanti singoli, ma uniforme - ha detto Danilo Giannoccaro - Gli episodi che noi abbiamo visto insieme in questi tre giorni servono a far sì che tutti gli arbitri della CAN PRO siano allineati e uniformati sulle valutazioni. Su ogni campo andrà il nostro gruppo, e proprio il gruppo è la forza della CAN PRO".
La conclusione è affidata ai ringraziamenti di rito a chi ha contribuito alla buona riuscita del raduno, ma il pensiero di Giannoccaro e della Commissione è ovviamente per gli arbitri: "Durante questi tre giorni abbiamo richiamato dei concetti già visti, perché vanno rafforzati. L'inizio di Campionato è stato positivo e l'atteggiamento vostro è quello giusto. Avete la capacità e le possibilità per fare bene. Ora testa bassa e puntare all'obbiettivo, pensare ad arbitrare e a farlo bene. La strada per arrivare a giugno, alla fine dei campionati, è ancora lunga. In bocca al lupo".

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente