Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Assemblea dei Presidenti. Nicchi: “Un’AIA che lavora e che viene rispettata”

Federico Marchi - 07/10/2018, 16:30

Si è conclusa oggi l’Assemblea organizzativa e tecnica dei Presidenti di Sezione. Due giorni di riunioni a Grosseto in cui sono state approfondite tematiche sia tecniche sia associative. “Questa è un‘AIA che lavora e che viene rispettata - ha detto il Presidente dell’Associazione Italiana Arbitri Marcello Nicchi - La soddisfazione è quella di sentirsi in un ambiente bello e sano. Continuiamo a scrivere la storia insieme”. In sala i Presidenti delle 209 Sezioni italiane ed i 20 Presidenti dei Comitati Regionali e Provinciali di Trento e Bolzano. Durante la mattinata sono stati completati gli interventi dei Responsabili degli Organi Tecnici Nazionali. A prendere la parola oggi, presentando il lavoro svolto anche attraverso la proiezione di filmati della Stagione Sportiva, sono stati Nicola Rizzoli (CAN A), Emidio Morganti (CAN B), Danilo Giannoccaro (CAN PRO), Matteo Trefoloni (CAN D) e Andrea Gervasoni (CAI).
“Portate ai ragazzi gli esempi positivi che giungono dagli arbitri della CAN A” ha detto Rizzoli che ha poi proposto un video che mostra il lato più umano dei direttori di gara. Un saluto è stato portato anche dal rappresentante degli arbitri in attività Gianluca Rocchi. “Cercate nei ragazzi la fame di arbitraggio – ha detto il fischietto italiano dei Mondiali in Russia - ovvero coloro che arbitrano il sabato o la domenica ed il lunedì vorrebbero già scendere di nuovo in campo”.
Un’approfondita analisi dell’organico arbitrale, con differenze e variazioni per territorio, è stata poi proposta dal Vicepresidente dell’AIA Narciso Pisacreta che ha parlato anche di prospettive future, della necessità della continua ricerca di qualità ed eccellenza, di reclutamento e della convenzione con il MIUR. Un intervento motivazionale in cui si è posto l’accento sul lavoro da portare avanti con i giovani arbitri e sulla giusta maniera di accompagnarli nel loro percorso. “In nessuna federazione sportiva italiana gli arbitri hanno diritto di voto – ha concluso Pisacreta - in questo siamo un’eccezione positiva”.
Alfredo Trentalange ha quindi illustrato l’attività svolta dal Settore Tecnico durante la fase che ha preceduto l’inizio dei Campionati, a partire dai raduni degli Organi Tecnici Nazionali fino a quelli regionali e sezionali, annunciando poi i prossimi appuntamenti in programma relativi all’OA DAY e al progetto Mentor & Talent seguito da Katia Senesi.
Con il supporto dei Viceresponsabili del Settore Tecnico Duccio Baglioni (centro) e Francesco Milardi (sud), e del Responsabile del Modulo Perfezionamento e Valutazione Enzo Meli, gli stessi Presidenti di Sezione hanno effettuato i nuovi video test, immedesimandosi nei ragazzi. I vari filmati sono poi stati esaminati collettivamente nei provvedimenti tecnici e disciplinari da assumere a seconda delle dinamiche di giuoco.
Per affrontare gli aspetti strettamente correlati agli strumenti informatici, e rispondere ai quesiti posti dai presenti in sala, è intervenuto il Responsabile del Servizio Informatico Simone Mancini. I risultati del lavoro dell’Osservatorio Violenza ai danni degli arbitri sono stati presentati dal Responsabile Filippo Antonio Capellupo, che ha ringraziato le regioni per il lavoro svolto in questa attività. Le categorie più delicate rimangono la Seconda e la Terza, mentre è stato sottolineato come le violenze provengano nella maggior parte dei casi da tesserati. La regione migliore sotto questo punto di vista, con nessun caso di violenza registrato, è risultata essere il Friuli Venezia Giulia.
Durante la giornata si sono svolte le premiazioni, con le benemerenze del Sin (presente con il Viceresponsabile Alberto Petrelli) assegnate alle Sezioni di Ariano Irpino, Barletta, Castelfranco Veneto, Catanzaro, Ciampino, Como, Firenze, Legnano, Reggio Emilia, Albenga, Grosseto, Sulmona. Consegnati anche i premi nazionali a Gianluca Rocchi, Giuseppe Centrone, Rito Briglia, Valerio Di Stasio, Alessandro Pizzi e Bruno Surace. Un riconoscimento speciale è stato consegnato al Componente del Comitato Nazionale dell’AIA Giancarlo Perinello per il lavoro svolto nella delicata estate appena conclusa.
Prima dello spazio finale riservato agli interventi dei Presidenti di Sezione, un ultimo contributo è stato portato da Responsabile della Commissione Esperti Legali Valerio Di Stasio.
“Per fare un’attività come la nostra serve una grande forza ma soprattutto una grande passione – ha concluso Marcello Nicchi salutano i Presidenti - Spero che tornando nelle Sezioni abbiate tanti argomenti di cui parlare. Un ringraziamento va a tutte le vostre famiglie che vi supportano sempre. Ognuno di voi potrà dire di aver scritto una pagina importante della storia della rispettiva Sezione”.

Nelle foto in gallery gli interventi di Marcello Nicchi, Narciso Pisacreta, Alfredo Trentalange, Nicola Rizzoli, il premio a Gianluca Rocchi, i Responsabili degli Organi Tecnici Nazionali.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente