Doppio appuntamento: “Lavorate per migliorarvi”

CRA Veneto

Doppio appuntamento: “Lavorate per migliorarvi”Ad Arzignano (VI) un duplice appuntamento del Comitato Regionale Arbitri del Veneto quello di sabato 20 ottobre 2018: si sono infatti incontrati gli arbitri neo immessi a livello regionale di Calcio a 11 e gli arbitri e osservatori del Futsal. Apertura atletica per gli arbitri di Calcio a 11: dopo la doppia somministrazione dello Yo-Yo avvenuta nelle scorse settimane, gli arbitri si sono misurati con 50 metri, 200 metri e 3000 metri supportati dal Referente Atletico regionale Gregorio Mason e dal suo staff.
“Oggi analizzeremo le criticità emerse in queste prime gare – ha detto il Presidente regionale Dino Tommaso aprendo il raduno del Calcio a 11 – Cercheremo di condividere strumenti e indicazioni pratiche per poter migliorare sin da subito”. Inizio di raduno dedicato allo spostamento e al posizionamento: sottolineata l’importanza di muoversi con disinvoltura all’interno del terreno di giuoco adeguandosi a quanto richiede la tattica. “Siate allineati con quanto indica il Settore Tecnico in tema di posizionamenti e spostamento – ha detto Dino Tommasi – Cercate il between, il corretto angolo, la giusta prospettiva per poter cogliere i dettagli dell’azione”. Strettamente connessa al tema dello spostamento è la preparazione atletica: “Senza una condizione atletica ottimale diventa difficile riuscire a curare tutti gli aspetti delle gara, possedere abilità atletiche permette di rimanere concentrati e lucidi in ogni momento della partita garantendovi la giusta determinazione in fase di prevenzione e gestione della gara”. Un corretto spostamento (ancor più importante per chi in prospettiva arriverà ad arbitrare gare in terna) e una buona condizione atletica sono fondamentali insieme ad una gestione caratteriale degli eventi: è necessario dimostrarsi attivi sul terreno di giuoco e padroneggiare gli eventi con personalità.
“La prevenzione è uno strumento da affinare sempre di più – ha sottolineato Dino Tommasi analizzando alcune gare filmate in queste prime giornate – Prevenzione non significa solamente saper gestire i richiami in maniera efficace, ma si traduce in un rapporto costante con i calciatori e con il gioco”. Analizzate a fondo anche le modalità di richiamare i calciatori (“Preferite richiami brevi, incisivi e diretti”) e la corretta gestione degli eventi.
Priorità e gestione della gara sono stati temi trattati trasversalmente dai due gruppi di lavoro: anche gli arbitri e gli osservatori del Futsal hanno affrontato e approfondito questi due aspetti grazie all’intervento del Componente della CAN5 Gianantonio Leonforte presente al raduno. “La credibilità va costruita passo dopo passo” ha detto Leonforte analizzando alcuni video di gare di massimo livello nazionale “Siate forti delle vostre conoscenze regolamentari e fate tesoro della vostra esperienza”. Trattati temi importanti come il corretto richiamo (warning) e le riprese di giuoco a seguito di una sostituzione; strumenti anche per gli osservatori presenti a cui è giunto il monito di essere sempre sul pezzo, concentrati e attenti per poter giudicare al meglio la prestazione e valorizzare una prestazione di assoluta qualità.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri