Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

La visita del Procuratore Carlo Cremonini

Alessandro Tanzini - 07/11/2018, 14:19

Sezione di Piombinio
La Sezione intitolata ad Aldo Bacci ha avuto la possibilità di ospitare il Procuratore Nazionale Carlo Cremonini, invitato dal Presidente Riccardo Pucini per illustrare le molteplici problematiche legate alla sua attività legale e di prevenzione riguardo i rischi che i giovani colleghi corrono nel contravvenire alle regole interne dell’AIA.

Il pericolo maggiore è costituito dalla sottostima dei rischi generati dal sempre più abituale uso dei “social”, sui quali è facilissimo incorrere in dichiarazioni legate al calcio; del resto quasi tutti simpatizziamo per una squadra e, magari, viene istintivo commentare decisioni assunte da colleghi; tali fatti sono regolarmente monitorati dalla Procura Arbitrale e, spesso, comportano indagini laboriose e provvedimenti disciplinari talune volte importanti, altre definitivi che rappresentanogravi limitazioni nello sviluppo delle singole carriere arbitrali.

In buona sostanza Carlo, col suo parlare schietto, scherzoso ed estremamente affabile, non ha affatto vietato l’uso e la frequentazione dei social, ma ha caldamente invitato tutti a procedere con estremo senso della misura e massima prudenza limitando all’indispensabile l’esternazione delle proprie opinioni rispetto ad eventi calcistici circoscrivendolo alla ristretta cerchia delle persone, amici e familiari, che ci garantiscono massima fiducia. Gli Associati hanno gradito ed apprezzato molto la serata intervenendo con una raffica di domandetutt’altro che banali.

La serata si è poi chiusa con un intervento di Giuliano Lavagnini in qualità di Presidente della Commissione di Disciplina regionale della Toscana che, oltre che associato della Sezione di Piombino, può vantare un quasi quarantennale rapporto di amicizia con Carlo Cremonini. Giuliano ha ribadito quanto già espresso da Carlo dicendo che è diabolico e mai fatto a cuor leggero, per gli organi di giustizia, dover sanzionare quei ragazzi che rappresentano il futuro delle Sezioni, delle Regioni e dell’AIA intera raccomandando pertanto la massima prudenza.

Immancabile la consegna di un piccolo presente allo stimato ospite, un semplice ricordo da Riccardo a Carlo. Da parte dei fischietti piombinesi un sentito ringraziamento a Carlo Cremonini per la bella lezione tenuta!

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente