Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Maria Marotta al convegno US ACLI alla Camera contro la violenza sulle donne

Angelo Donisi - 23/11/2018, 21:00

Lo sport unito per gridare al mondo “No alla violenza contro le donne”. Un mondo finalmente alla pari, un messaggio contro ogni forma di prevaricazione sulla donna. È’ il grido che arriva, unanime, dal mondo sportivo e istituzionale, riunitosi presso la nuova aula dei gruppi parlamentari della Camera dei Deputati, dove si è svolto il convegno dal titolo ‘Cambiare per vincere insieme - Lo sport contro la violenza sulle donne’, organizzato dall’Unione Sportiva ACLI in vista della Giornata Internazionale contro la violenza sulle donne.
A dare il via ai lavori è stato il Presidente Nazionale dell’US ACLI, Damiano Lembo: “Solo gli strumenti dello sport, l’immediatezza e la semplicità del messaggio veicolato, possono essere un ottimo deterrente contro la violenza sulle donne. La nostra associazione - evidenzia Lembo - è da tempo impegnata in temi sociali come l’inclusione, la cittadinanza attiva, la prevenzione della salute e la legalità. Tra questi, la lotta alla violenza sulle donne assume, oggi più che mai, una rilevanza particolare. Sensibilizzazione e prevenzione: con questa iniziativa poniamo i riflettori sul problema che quotidianamente affrontiamo nelle nostre strutture territoriali. Le testimonianze delle nostre tesserate dimostrano che siamo sulla strada giusta”.
Al convegno, moderato dai giornalisti Enrico Varriale (Rai) e Piercarlo Presutti (Ansa), si sono succeduti gli interventi del Sottosegretario di Stato alla Presidenza del Consiglio dei Ministri con delega allo Sport, Giancarlo Giorgetti, del Sottosegretario di stato per la Giustizia, Jacopo Morrone, dei Deputati Luca Lotti e Laura Paxia, del Presidente del Comitato Olimpico Nazionale Italiano, Giovanni Malagò, del Direttore alla Pastorale e al Tempo Libero, Turismo e Sport della CEI, Don Gionatan De Marco, del Presidente Nazionale delle ACLI, Roberto Rossini.
Tutti i relatori hanno concordemente sostenuto la tesi che lo sport può fare molto per combattere discriminazione, abuso e sopraffazione, ma soprattutto essere strumento di formazione, educazione e rispetto.
Tra le varie testimonianze di donne, alcune vittime di violenze, molto apprezzato l’intervento dell’arbitro internazionale Maria Marotta, gentilmente prestata all’evento dal presidente nazionale dell’AIA Marcello Nicchi. La sua è una storia di successo, arbitro internazionale, unica donna fischietto della Serie C ha dichiarato: “Se c’è un arbitro donna in Serie C e se c’è la possibilità che una donna possa arbitrare 22 uomini significa che quel pregiudizio può essere bypassato. Ho arbitrato partite molto importanti e ci ho sempre messo passione ed energia, l’ho fatto anche per tutte le mie colleghe che volevano stare lì al mio posto”.
La giornata si è conclusa con un incontro di calcio, presso il Centro Olimpico della Cecchignola a Roma, tra la Nazionale Parlamentari Italiana e la S.S. Lazio femminile.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente