Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Volpi: "Stimoli e traguardi il motore della crescita"

Michela Gamberoni - 03/12/2018, 14:00

Sezione di Faenza
Manuel Volpi, talentuoso arbitro aretino al suo primo anno di esperienza in CAN B, ha tenuto una riunione tecnica per i fischietti faentini.

Volpi ha iniziato il suo intervento ripercorrendo la sua storia personale: classe ‘88, dopo l’esperienza giovanile da calciatore decide di iniziare il suo percorso arbitrale, che lo ha portato all’esordio nella serie cadetta a fine estate nel match Ascoli – Cosenza.

Il suo discorso è stato improntato sull’importanza dell’arbitraggio come “scelta di vita, che ti cambia la vita”. “L’umiltà e la passione con le quali dobbiamo scendere sul terreno di gioco – ha scandito con emozione Volpi – devono rimanere costanti in ogni momento, per poter vivere le emozioni che il campo ci regala”.

La Sezione di appartenenza riveste inoltre un ruolo fondamentale nella crescita di ogni associato, nei momenti di gioia e di difficoltà nei quali ognuno di noi incorre. L’arbitraggio è uno stile di vita, si è arbitri anche fuori dal campo e si deve sostenere la responsabilità di dare il buon esempio, agendo con correttezza in ogni occasione.

La carriera di Volpi nei campionati regionali toscani, in cui il calcio è molto sentito, gli ha permesso di maturare velocemente e di acquisire un atteggiamento di serietà e credibilità: quest’aspetto, va curato fin dall’arrivo al campo, fino ai momenti più critici di una partita, così come la capacità di saper affrontare e reagire ad eventuali errori in campo.

Volpi crede fermamente nell’importanza dell’essere sé stessi, nel saper utilizzare il giusto body language e livello comunicativo coi giocatori per gestire le squadre e domare gli elementi di disturbo.

“La ricerca di stimoli e traguardi è il motore della nostra crescita arbitrale e personale – ha concluso l’ospite – così come il riporre massima fiducia nelle istruzioni impartite dall’organo tecnico, per affrontare nel giusto modo le diverse categorie arbitrali”.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente