Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Ivano Pezzuto della CAN B ospite nella Città dei Sassi

Giuseppe Cappiello - 07/12/2018, 14:00

Sezione di Matera
Nella serata di mercoledì 28 novembre, la Sezione AIA di Matera ha avuto il piacere di ospitare Ivano Pezzuto, arbitro di Serie B della Sezione di Lecce.
Introdotto dal Presidente Cosimo Contini, Ivano ha sottolineato l'ambiente familiare del presidio arbitrale materanese e la sua gioia nell'essere tra tanti giovani e qualche fischietto più esperto, come Nicola Chietera, che ha ricevuto dalle sue mani la pergamena che premia i 50 anni di tessera e di appartenenza all'AIA.
Grazie ad una buona dialettica ed a un uso appropriato di paragoni tra il percorso arbitrale e la vita quotidiana, Ivano Pezzuto ha saputo offrire alla platea una lezione tecnica di alto livello con concetti di psicologia (forza, autostima, capacità di non porsi limiti) che sicuramente sono stati apprezzati dagli arbitri in procinto di arbitrare le prime partite.
In particolare, nel suo intervento, egli si è soffermato sui tre aspetti che concorrono alla buona riuscita di una gara, ossia la preparazione tecnica, la predisposizione mentale e lo sviluppo delle capacità relazionali. Non c'è preparazione tecnica senza una buona preparazione atletica, senza un'adeguata conoscenza del regolamento e delle linee guida fornite dall'Organo Tecnico e dagli osservatori arbitrali ogni domenica negli spogliatoi.
La predisposizione mentale è un ''percorso che non inizia nella settimana antecedente la gara ma che va coltivato nei mesi e negli anni attraverso l'esercitazione (automatismi e ripetizioni) e la cura dei dettagli che rendono più semplici i 90 minuti sul terreno di gioco. È la capacità di sviluppare efficaci e corrette relazioni con i calciatori a distinguere in positivo o in negativo la prestazione arbitrale: è importante conoscere la psicologia del calciatore, capire chi sia il leader della squadra perché è colui il quale funge da esempio per i compagni; bisogna, altresì, porsi con naturalezza e coerenza con i 22e in campo senza far finta di non aver visto o sentito e senza gesticolare nelle spiegazioni o indietreggiare nei richiami.
Al termine della lezione tecnica, il Presidente sezionale Cosimo Contini e il Presidente regionale Enzo Gallipoli hanno ringraziato il fischietto salentino, omaggiandolo con un piccolo presente.
La serata è poi continuata a cena in un ristorante nei Sassi, dove Ivano ha volentieri risposto alle curiosità e alle domande degli associati materani.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente