Confronto tecnico insieme agli studenti delle superiori

CRA Calabria e Basilicata

Confronto tecnico insieme agli studenti delle superioriNel calcio moderno, fatto di tattica ed intensità atletica, è indispensabile per l'arbitro sviluppare la capacita di lettura tattica della gara, avere una preparazione fisico-atletica ottimale, spostarsi in funzione delle priorità ed utilizzare un corretto posizionamento in occasione delle riprese di gioco ai fini di un efficace controllo delle potenziali aree di rischio.
Argomenti importantissimi, trattati in maniera approfondita lo scorso 20 novembre a Cosenza, nell'incontro fra arbitri di Eccellenza e Promozione dei Comitati Regionali di Calabria e Basilicata, al quale hanno preso parte il Componente Nazionale Stefano Archinà e il Vice Responsabile del Settore Tecnico Francesco Milardi. Lo stage, fortemente voluto dai due Presidenti, Franco Longo ed Enzo Gallipoli, e dai referenti atletici dei rispettivi CRA, ha avuto inizio nel primo pomeriggio presso il Centro Sportivo della città bruzia, dove gli arbitri, dopo essere stati pesati per consentire l'elaborazione dell'esame impedenziometrico e svolto un intenso riscaldamento, hanno sostenuto le specifiche prove atletiche, cercando di rispettare nei dettagli i rispettivi protocolli.
Successivamente il gruppo si è spostato presso la sede della Sezione AIA di Cosenza, dove il Referente Atletico regionale Paolo Perri ha illustrato il progetto GPS-CARDIO, messo in atto dal CRA Calabria, strumento tecnologico importante per migliorare la performance tecnico-tattica ed atletica.
Stesso pomeriggio è stato trascorso dagli arbitri futsal dei rispettivi Comitati regionali, che dopo le prove atletiche sono stati ospitati presso la sala multimediale di un locale istituto scolastico, dove i delegati regionali, alla presenza di alcuni interessati studenti, hanno discusso della performance atletica e di spostamento e posizionamento.
Soddisfatto il Presidente Enzo Gallipoli: “Nell’incontro di Cosenza molto importante, ai fini didattici, è stato il confronto tra le due realtà arbitrali, soprattutto per quanto concerne l’aspetto atletico, “l’interruttore” per farci “vedere” sul terreno di gioco. Ci ha destato meraviglia l’utilizzo della tecnologia del CRA Calabria, ovvero i GPS in dotazione agli arbitri, che vengono così monitorati durante gli allenamenti e nel corso della gara, strumenti che forniscono importanti informazioni anche sull’aspetto tattico. L’evento, per la qualità degli interventi, ha avuto un’alta valenza, anche perché non sono stati messi in secondo piano, tutt’altro, gli aspetti tecnico, disciplinare e comportamentale”.
Sulla stessa linea d’onda il “pari grado” della Calabria, Franco Longo: “Siamo soddisfatti di questo stage formativo, da riproporre in futuro, anche perché ci siamo confrontati su aspetti tecnici e atletici sia di calcio sia di calcio a 5. Ci preme pertanto ringraziare il Presidente del CRA Basilicata per la disponibilità. Un aspetto molto importante è stata la partecipazione all’incontro di un gruppo di studenti delle superiori, molto entusiasti di questa esperienza, che hanno potuto prendere coscienza della qualità della formazione dei giovani arbitri. Ciò pertanto ci ha dato l’opportunità di aprirci al mondo scolastico. Queste due regioni hanno voglia di crescere, anche con i nuovi modelli formativi supportati dalla tecnologia. Ringrazio il Presidente Nazionale – ha concluso Longo - per aver autorizzato questo incontro e il Componente Nazionale Stefano Archinà per la partecipazione”.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri