Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Montesardi in chiusura raduno Top Class CAN 5: "Ora manteniamo alto il livello"

Fabio Gafforini - 15/12/2018, 16:01

Un tour de force, tecnico, atletico e associativo. Così è stato il raduno Top Class della CAN 5 che si è concluso nella mattinata di sabato 15 dicembre a Vicenza, presso l’Hotel Tiepolo.
La mattinata dei lavori si è aperta con il saluto del Vice Presidente nazionale Narciso Pisacreta che ha avuto parole di incitamento per i 54 arbitri convocati: «Nessuna gara è uguale ad un’altra: ogni volta scendete in campo accompagnati dal fascino per l’ignoto. Mi rivolgo poi in particolare ai decimi anni: siate altruisti, mettete a disposizione le vostre conoscenze, trasmettete la vostra esperienza, i colleghi ve ne saranno grati. Ricordate, nell’AIA, una volta abbandonato il campo, c’è un posto e un futuro sempre e per tutti».
La disamina tecnica è poi stata condotta dal Responsabile Angelo Montesardi, con il supporto degli altri Componenti Riccardo Arnò, Salvatore Racano, Laura Scanu, Francesco Massini, Francesco Peroni, Ettore Quarti, Vincenzo Francese e Gianantonio Leonforte. In particolare si è continuato con il lavoro di match analysis, anche di gare internazionali. Il supporto alla tre giorni di raduno è stato garantito da Francesco Lorenzato della segreteria della CAN 5.
Gradita è stata anche la visita del Componente CAN D Massimo Biasutto, il quale ha detto agli arbitri: «Il talento va coltivato, e per farlo servono impegno e dedizione. Con la forza di volontà non ci sono limiti».
Andrea Liga del Settore Tecnico ha poi voluto fare due considerazioni prima della chiusura dei lavori: «Con gli auricolari siete sempre in contatto, siate di supporto al collega. Abbiamo parlato in questi giorni molto dell’inversione di fascia: non vedetela come una sconfitta, ma come un modo di placare le proteste e di riprendere velocemente il gioco».
Le considerazioni finali, prima di congedare gli arbitri, la maggior parte dei quali designati nel pomeriggio per le gare delle massime categorie nazionali del futsal, sono state proprio del Responsabile Angelo Montesardi, il quale ha voluto esprimere tutta la sua soddisfazione per il lavoro fatto in questi giorni: «Devo innanzitutto ringraziare i membri della CAN 5 per tutto quello che fanno, perché senza la loro dedizione non sarebbe stato possibile realizzare questo raduno, ma soprattutto non sarebbe possibile attuare quel percorso di crescita che abbiamo immaginato per ognuno di voi».
Rivolgendosi poi agli arbitri ha detto: «Ringraziate le vostre famiglie, perché i sacrifici che fate per arbitrare e per perfezionarvi sono anche i loro». Montesardi ha infine espresso soddisfazione per i risultati ottenuti dagli arbitri nella prima parte di campionato, sollecitando tutti a lavorare intensamente per mantenere sempre alto il livello, la preparazione e la concentrazione, elementi essenziali per fornire prestazioni di qualità, in linea con le aspettative della Commissione.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente