A Gennaio i raduni di metà Stagione per l’organico regionale

CRA Piemonte-Valle d'Aosta

A Gennaio i raduni di metà Stagione per l’organico regionaleNella bella e funzionale location di Alba, in provincia di Cuneo, si sono svolti i raduni di metà Stagione del Comitato Regionale Arbitri di Piemonte e Valle d’Aosta.
Sabato 12 gennaio gli arbitri di Eccellenza e Promozione sono stati i primi a ritrovarsi per una verifica dello stato di forma ed un momento di formazione e confronto in vista della ripresa dei Campionati. Soddisfacente è stato il riscontro, con un gruppo sempre più solido e preparato, che ha compreso e segue con attenzione la linea dettata all’inizio della stagione dalla Commissione presieduta da Luigi Stella.
“Questa è la strada. Già dalla scorsa Stagione, abbiamo intrapreso un percorso improntato al miglioramento tecnico e all’innalzamento del livello generale - ha esortato il Presidente - Proseguiamo con costanza, vedo un organico con una sempre maggiore qualità complessiva e ciò è testimoniato dai riscontri oggettivi degli osservatori arbitrali che vi visionano nelle massime categorie regionali”.
Nella stessa giornata, il Componente del Comitato Nazionale Alberto Zaroli ha fatto visita ai ragazzi presenti, ai Presidenti di Sezione, ai referenti dell’Osservatorio Violenza ed al referente regionale della Commissione Esperti Legali Luca Ruppen, tutti presenti in sede di raduno, questi ultimi anche in vista dell’incontro pomeridiano dedicato alla recente revisione del Codice di Giustizia Sportiva.
Proprio in relazione a questo punto, Zaroli è dunque intervenuto dando ampia spiegazione dei contenuti e dello spirito delle innovazioni, grande conquista a tutela del mondo arbitrale, volta a prevenire e reprimere le condotte violente a danno degli associati.
Il week end successivo, nella giornata di sabato 19 Gennaio, è stato il momento degli assistenti arbitrali, con un approfondimento dedicato specificamente al briefing pre-gara ed al team building, argomento già trattato anche con gli arbitri, in un’ottica di completezza e condivisione delle informazioni. Nel corso della giornata, i componenti Fabio Comito e Walter Giachero hanno posto l’attenzione sulle criticità emerse nella prima parte della stagione, dando indicazioni univoche per affrontare al meglio i prossimi eventi agonistici.
Altrettanto interessante è stato l’ultimo dei week end dedicati alla formazione del Comitato, con i giovani arbitri della prima categoria, unitamente ai ragazzi del progetto “Junior Talent” e alle ragazze del “Women Talent” a calcare il campo di Alba per le prove atletiche e a confrontarsi in aula nel corso della giornata di sabato 26 Gennaio.
L’organico di prima categoria rappresenta il futuro dell’arbitraggio piemontese e valdostano e, proprio per questo motivo, è fondamentale porre solide basi, sia sotto il profilo tecnico che dei comportamenti, per garantire un ricambio generazionale all’altezza.
La giornata, intensa e produttiva, ha visto i convocati protagonisti di un match analysis vivace e ricco di spunti, in cui al centro dell’attenzione vi erano proprio le decisione prese in gare della categoria, per contestualizzare al meglio le indicazioni e rendere efficace il messaggio formativo.
I lavori di queste tre settimane si sono chiusi il giorno seguente, domenica 27 Gennaio, con la giornata dedicata agli osservatori arbitrali.
In mattinata, spazio ai test tecnici ed alle indicazioni del Presidente del Comitato Luigi Stellla, che ha espresso soddisfazione per il lavoro svolto dagli osservatori, invitando i presenti a dare il meglio, nella consapevolezza dell’importanza del ruolo ricoperto. Anche in questo caso, ampio spazio è stato riservato alla visione di video ed al confronto con le risultanze delle specifiche relazioni, al fine di dare concretezza e praticità alle raccomandazioni espresse. Nel pomeriggio, con l’arrivo degli osservatori sezionali assenti al precedente OA DAY, si è tenuto il consueto appuntamento formativo curato dal Settore Tecnico AIA, rappresentato dal componente Maurizio Pozzoli che, con grande efficacia, ha commentato le immagini del match oggetto di analisi, trasmettendo i contenuti ed illustrando le chiavi di lettura per giungere alla corretta determinazione della valutazione finale.
Tre settimane di alto livello formativo e tecnico, quindi, che hanno visto coinvolte tutte le componenti del sistema arbitrale piemontese e valdostano, per approcciare al meglio la seconda parte di Stagione.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro"
(aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Copyrights © 2021-2022 Tutti i diritti riservati
Associazione Italiana Arbitri