Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Talent, Trentalange: "Condividete, comunicate e siate propositivi"

Federico Marchi - 03/02/2019, 21:00

Si è concluso a Coverciano il raduno Talent del Settore Tecnico, che ha visto la partecipazione di 38 giovani assistenti in rappresentanza di tutti i Comitati Regionali e Provinciali italiani. Un incontro formativo con riunioni tecniche in aula e sedute atletiche sul terreno di giuoco. “Sono stati due giorni dedicati alla formazione, in cui abbiamo mostrato ai ragazzi gli standard, i contenuti ed i ritmi dei raduni nazionali – ha detto il Responsabile del Settore Tecnico Alfredo Trentalange - Un incontro il cui obiettivo è stato quello di fornire gli strumenti necessari e dare consapevolezza nel proprio ruolo. Una partita non si arbitra infatti da soli, ma attraverso una collaborazione di squadra tra arbitro e assistenti. E'necessario essere pronti ad aspettarsi sempre l'inaspettato. Un momento molto importante in quest'ottica è rappresentato dal briefing pre gara. Bisogna abituarsi ad utilizzare gli strumenti tecnologici che si hanno a disposizione, perché è anche attraverso la tecnica che si crea un gruppo”.
I lavori in aula sono proseguiti con Katia Senesi, Responsabile del progetto Mentor&Talent, che ha approfondito la parte relativa alla prestazione di un assistente arbitrale. “Abbiamo analizzato i vari aspetti su cui si basa la valutazione da parte degli osservatori arbitrali – ha detto – come ad esempio l’allineamento, il contatto visivo con l’arbitro, il saper selezionare la corsa laterale rispetto a quella frontale, la qualità delle segnalazioni, l’utilizzo della visione periferica, l’atteggiamento”. Un particolare spunto proposto da Katia Sensi, fatto sperimentare direttamente ai ragazzi, è quello relativo all’occhio tecnico (dominante) e l’occhio tattico. “Il calcio è velocità di pensiero e non di azione” ha concluso.
E’ poi seguita la correzione dei quiz eseguiti durante la prima giornata, con il Responsabile del Modulo Perfezionamento e Valutazione Tecnica Enzo Meli che ha illustrato le risposte giuste, approfondendone i vari aspetti regolamentari.
Durante la mattinata il Viceresponsabile sud del Settore Tecnico Francesco Milardi ha invece sottoposto gli assistenti ad una serie di esercitazioni dinamiche sul terreno di giuoco, incentrate sull’allineamento e sulla concentrazione. Sono poi seguite le prove atletiche, coordinate dai preparatori Vincenzo Gualtieri e Andrea Zoppi, per valutare tramite l’ariet test lo stato di forma fisica dei ragazzi. Al raduno hanno partecipato anche il dott. Claudio Castellini del Modulo Bio Medico ed il fisioterapista Giuseppe De Iasio. In apertura della seconda giornata i 38 assistenti sono stati sottoposti alla misurazione di peso e altezza per il calcolo del BMI. A ripercorrere i principali momenti vissuti nelle due giornate è stato un video proiettato al termine dell'ultima riunione in aula magna. Un saluto finale ai Talent è giunto anche dal Coordinatore del Settore Tecnico Marcello Marcato.
Alfredo Trentalange ha infine congedato i Talent con un invito: “Comunicate, siate propositivi, condividete questa esperienza e ciò che avete imparato qui a Coverciano”.

Nelle foto in gallery: Alfredo Trentalange, la lezione di Katia Senesi, l'intervento di Enzo Meli, il saluto di Marcello Marcato, Trentalange segue i test atletici, Francesco Milardi guida l'esercitazione sul terreno di giuoco, allenamento collettivo.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente