Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Musti, CT Nazionale C5, al raduno CAN 5: “Non fatevi mai trovare impreparati”

Lorenzo De Robertis - 15/02/2019, 21:00

Gli arbitri e gli osservatori a disposizione della Commissione guidata da Angelo Montesardi si sono ritrovati a Tivoli per l’effettuazione del raduno di metà campionato. Si tratta del secondo appuntamento che segue quello della settima scorsa in cui si erano ritrovati, sempre a Tivoli, gli arbitri e gli osservatori dl primo turno. Molto gradito dai partecipanti il saluto porto da Renato Giuffrida, Giudice Sportivo della Divisione Calcio a 5. Giuffrida con la consueta chiarezza ha esaminato con gli arbitri alcune situazioni di particolare rilievo accadute nella prima parte del campionato. Nel concludere il suo intervento ha spronato i ragazzi, per la parte finale della Stagione, a continuare ad applicarsi nella refertazione delle gare con la consueta e collaudata precisone e completezza.
Di altissimo livello tecnico l’intervento, nella prima parte del pomeriggio, di Alessio Musti, allenatore della Nazionale italiana di futsal. “Conoscere le tattiche di gioco, prevenire le situazioni dinamiche che potrete trovare nel terreno di gioco”. Con queste parole Musti ha esortato gli arbitri ad essere mentalmente aperti allo studio del futsal. “Una lettura in chiave diversa delle varie situazioni è di fondamentale importanza per farsi trovare sempre pronti”.
Un focus importante è stato posto sulle differenze fra le varie tipologie di “difesa”. Uomo, zona, difesa mista. Concetti di assoluta importanza per comprendere al meglio lo sviluppo tattico delle gare. “Imparate a non farvi trovare mai impreparati”.
Nel dibattito che è seguito all’intervento del Commissario Tecnico sono stati esaminate anche le tematiche inerenti l’importanza che oramai hanno assunto le situazioni di palle inattive.
Francesca Muccardo, Coordinatrice Calcio a 5 per il Settore Tecnico AIA, ha condotto la sessione di video test tecnici i cui risultati complessivi hanno soddisfatto pienamente il Responsabile CAN 5 Montesardi.
I lavori del pomeriggio sono poi proseguiti con due diverse sessioni di lavoro, una dedicata agli arbitri ed una riservata agli osservatori. Un’approfondita e dettagliata analisi di filmati ed episodi accaduti in alcune gara di questa prima parte della Stagione ha consentito al responsabile Montesardi di affrontare ed approfondire le tematiche inerenti la corretta gestione delle panchine, la gestione dell’esultanza dei calciatori in occasione della segnatura di una rete ed una corretta ed uniforme valutazione dei falli di mano. “Dobbiamo sforzarci di fornire un’uniforme interpretazione ai singoli episodi – ha proseguito Montesardi – e solo se saremo credibili a livello di uniformità interpretativa saremo in grado di gestire al meglio le gare”. Il gruppo degli osservatori, coordinato dai Componenti Laura Scanu, Salvatore Racano, Francesco Peroni e Riccardo Arnò, si è concentrato sull’analisi del lavoro fatto fino a questo punto del campionato e sui sempre possibili margini di miglioramento.
In serata, dopo aver portato ai partecipanti al raduno i saluti, l’affetto e la vicinanza del Responsabile del Settore Tecnico Alfredo Trentalange, la Coordinatrice Calcio a 5 Francesca Muccardo ha tenuto una lezione sul tema della concentrazione. “Gli arbitri – ha detto – devono essere bravi nel riuscire a mantenere sempre un alto grado di concentrazione durante ogni fase della gara. Un arbitro reattivo e sereno affronta al meglio le eventuali criticità. Dobbiamo imparare a sfruttare al meglio il lavoro del team arbitrale”.

Nella foto di copertina la CAN 5 con Alessio Musti. Nelle altre foto una veduta della sala, il Responsabile Angelo Montesardi, il Commissario Tecnico della Nazionale Italiana Alessio Musti, un momento dei video quiz , Montesardi durante il lavoro di match analysis, il gruppo degli osservatori arbitrali al lavoro, Francesca Muccardo del Settore tecnico AIA.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente