Associazione Italiana Arbitri

100 anni: 1911-2011

Sito web ufficiale dell'Associazione Italiana Arbitri

Il raduno di metà Campionato per arbitri e osservatori

Riccardo Calvara - 09/03/2019, 08:00

Sezione di Trento
Il 23 Febbraio si è svolto, presso la sede della Sezione di Trento, il programmato raduno di metà Campionato degli arbitri effettivi in forza all’Organo Tecnico Sezionale. La partecipazione è stata soddisfacente, e soprattutto significativa per quanto riguarda l'età dei partecipanti. Grossa soddisfazione inoltre per la presenza dei nuovi colleghi, che recentemente hanno sostenuto e superato l'esame di qualifica.
Dopo l'introduzione del Presidente Mariano Varesco, che ha trattato dettagliatamente le motivazioni di questo raduno oltreché impartito le dovute direttive tecniche e comportamentali, è stata la volta della somministrazione dei quiz consueti, al termine dei quali altrettanto soddisfacenti sono state le risultanze emerse dalla correzione degli stessi.
Il Presidente Varesco ha passato quindi la parola a Romina Santuari che, in qualità di collaboratrice alle designazioni settimanali, e a nome dell’Organo Tecnico e collega Fattoruso, ha affrontato diversi temi di interesse, relativi alle dinamiche arbitrali. Si è soffermata, in modo particolare, sulle carenze riscontrate dagli osservatori durante il girone d’andata, insistendo, in modo particolare, sulla necessità di una adeguata preparazione atletica ed una oculata sanzione dei falli, privilegiando, per quanto riguarda l'aspetto disciplinare, una sempre più efficace prevenzione.
Il 2 marzo invece, si è tenuto il raduno degli osservatori arbitrali, con anche qui notevoli risultati di presenza. Anche per loro è stata prevista le somministrazioni dei quiz e delle disposizioni tecniche ad opera del Presidente Varesco.
La parola è, quindi, passata a Marco Uber il quale, in qualità di Responsabile delle designazioni degli osservatori, ha intrattenuto gli intervenuti su vari aspetti inerenti il loro ruolo, sull'importanza di tale compito in qualità di guida, formatore e, soprattutto, collaboratore dell'Organo Tecnico nell'individuazione delle caratteristiche degli arbitri visionati e, soprattutto, delle loro prospettive.
In particolare, poi, Uber ha trattato il delicato aspetto del colloquio di fine gara, sottolineando come l'osservatore debba affrontare lo stesso nel modo più rispettoso possibile del collega visionato, oltreché l'importante argomento della stesura della relazione, nella nuova formulazione introdotta dalla presente Stagione Sportiva. Si è quindi soffermato su alcune anomalie riscontrate durante il girone di andata.
Un clima di reciproca soddisfazione ha accompagnato la chiusura di entrambe le giornate di intenso lavoro.

Supplemento on-line della rivista "L'Arbitro" (aut. Tribunale di Roma n. 499 del 01/09/1989)

Pagina precedente